2023 NWES season – Ecco come i gladiatori dellla EuroNASCAR hanno affrontato il caldo in Italia

L’evento della NASCAR Whelen Euro Series all’Autodromo di Vallelunga, a nord della capitale italiana, ha rappresentato una vera e propria sfida per le auto, i concorrenti e le squadre a causa delle alte temperature portate da un’ondata di caldo a livello europeo. I gladiatori si sono preparati per le quattro gare sul tracciato di 4,085 chilometri e hanno trovato ognuno il proprio modo per affrontare il caldo e ottenere il meglio. Nelle auto sono state misurate temperature fino a 70 gradi, mentre le squadre hanno sofferto il caldo di quasi 40 gradi nell’aria. Ma con tutta la loro passione per le corse, la preparazione professionale e la volontà di successo, i team EuroNASCAR sono diventati dei veri e propri eroi durante il l’American Festival of Rome.

I piloti hanno calcato il grande palcoscenico di fronte a 25.000 fan della NASCAR e nessuno di loro si è tirato indietro dal regalare alla folla il miglior spettacolo possibile con gare fianco a fianco e battaglie incredibili. A causa delle alte temperature all’interno delle auto, i piloti si sono bruciati i piedi sui pedali e hanno lottato in pista nonostante fossero al limite. Alcuni piloti hanno perso fino a tre chili durante il NASCAR GP Italy. Questo è solo un assaggio delle sfide che i piloti hanno dovuto affrontare. Ma quali sono stati i segreti per sconfiggere il caldo?

“Mi è piaciuto lottare con gli altri piloti in queste condizioni”, ha detto Tobias Dauenhauer del team Bremotion, che “ha bevuto molta acqua prima della gara e aveva un asciugamano fresco e bagnato intorno al collo prima dell’inizio di ogni gara”. Vladimiros Tziortzis di Academy / Alex Caffi Motorsport è ancora sorpreso di come il motore abbia resistito alle alte temperature dei fluidi, mentre il cipriota “ha usato le ventole normalmente destinate al raffreddamento dei motori per prendere aria fresca”. Gil Linster di Hendriks Motorsport è stato uno dei piloti che ha “perso 1,9 kg” durante il weekend. Il lussemburghese ha indossato un giubbotto refrigerante e ha cambiato la sua dieta con la frutta. L’aggiunta di sali ha aiutato il pilota a “mantenere l’acqua nel corpo” e ha anche bevuto the caldo per adattarsi al caldo.

Nick Schneider di Marko Stipp Motorsport era al limite, ma il pilota tedesco-brasiliano “ha versato acqua fredda sulla tuta e sulla testa prima della gara. Mi sono anche rinfrescato nella piscina gonfiabile”, portata in pista da Hendriks Motorsport. Neo Lambert del team Speedhouse ha dichiarato: “Mi bruciavano i piedi, il dolore non era uno scherzo!”. Così si è versato dell’acqua ghiacciata sui piedi per raffreddarli. “Bevevo dai cinque ai sei litri d’acqua al giorno e non dovevo mai fare pipì, è pazzesco!”. L’eroe locale e pilota di CAAL Racing Max Lanza ha dichiarato che il NASCAR GP Italy è stata la gara “più difficile” della sua carriera. Ha spiegato: “Ho tenuto un sacchetto di ghiaccio nel casco per tutta la durata della sessione di autografi sulla griglia di partenza, poi ho infilato dei cubetti di ghiaccio nella tuta prima di salire in macchina”.

È stata la sfida più difficile della mia vita”, ha detto Alberto Naska di CAAL Racing, che “ha fatto una doccia fredda con la tuta prima di salire in macchina”. Il rientrante Tuomas Pontinen ha dichiarato: “È per questo che noi piloti siamo allenati”, ma il pilota finlandese del Marko Stipp Motorsport ha dovuto trovare un modo per sconfiggere il caldo: “Sono andato nella nostra piccola piscina”. Sebastiaan Bleekemolen non è rimasto impressionato dal caldo: “Per me è andata bene. È stata la prima volta che ho usato un giubbotto refrigerante. È davvero fantastico e lo si vede in ogni sport al giorno d’oggi”. Gordon Barnes del team Marko Stipp Motorsport ha vinto il Club Challenge dopo tre sessioni estenuanti il venerdì: “È importante raffreddarsi tra una sessione e l’altra e idratarsi. E appena ho potuto, mi sono tolto la tuta da gara: per essere ignifuga, è sempre piuttosto calda”, ha detto il britannico.

Essere di Reggio Emilia è stato un vantaggio per Arianna Casoli del team Speedhouse, che “ama il caldo”. “Respirare alla fine delle sessioni e delle gare a volte non era facile perché la frequenza cardiaca era più alta e il corpo aveva bisogno di più ossigeno”, ha detto l’italiana. “Credo che la preparazione fisica inizi prima della gara: non si tratta di giorni, ma di settimane o mesi. In pista devi essere consapevole della tua condizione e delle esigenze del tuo corpo”, ha aggiunto. Alina Loibnegger di Racingfuel Motorsport ha trovato un altro modo per rinfrescarsi: “Avevamo anche una piscina davanti al nostro box dove ho bagnato la mia biancheria intima ignifuga per metterla in frigo”. Giorgio Maggi si è trovato in difficoltà quando non è riuscito ad andare a tutta velocità sulla pista: “L’aria non circolava più e sembrava di essere in una sauna!”. Il pilota Race Art Technology ha iniziato a prepararsi “mantenendo un buon livello di forma fisica con un po’ di cardio in una bella giornata estiva per abituarsi ad allenarsi in condizioni di caldo”.

Michael Bleekemolen è il pilota più anziano sulla griglia, ma ha affrontato il caldo da vero professionista. L’olandese ha dichiarato: “Ho messo dei cubetti di ghiaccio nella tuta da gara e mi sono allenato al caldo in una sauna prima dell’evento. Non è stato un problema per me, anche se ho 73 anni!”. Un altro pilota di CAAL Racing che si è affidato a una doccia fredda prima della gara è stato Gianmarco Ercoli che, come il suo compagno di squadra Naska, ha vinto una delle gare in Italia. Un altro pilota abituato al caldo è stato l’australiano Max Mason, che non ha avuto grossi problemi con l’auto: “Queste temperature sono normali per me”. Anche il belga Sven van Laere ha visitato le saune per prepararsi all’evento e in pista il pilota di CAAL Racing ha riempito la sua tuta di cubetti di ghiaccio prima di una gara.

Ma non sono stati solo i piloti a dover superare se stessi, anche i membri del team che hanno lavorato sulle auto nel caldo torrido. Antti Lahtinen, creatore di contenuti di Pontinen, ha dichiarato: “Ci sono state difficoltà, ma faccio di tutto per ottenere buoni contenuti”. Si è idratato e ha cercato l’ombra quando possibile. Il team manager di Marko Stipp, Chris Liemann, ha dichiarato: “Sulla griglia sembrava di essere in una padella”. Mentre alcuni hanno trovato soluzioni concrete per combattere il caldo, l’ingegnere di gara di PK Carsport Koen Bevers ha preso una “birra fredda” dopo il lavoro e ha giocato a freccette con i suoi compagni di squadra nel garage. Ha detto: “Faceva troppo caldo, quindi rispetto per tutti i piloti là fuori!”. Frank Quabeck di Bremotion ha usato i ventilatori nei box per rinfrescarsi.

Andrea Brianza, coordinatore del team Race Art Technology, è abituato a lavorare sodo perché è un escursionista di montagna per hobby. Il suo segreto per sconfiggere il caldo? “Acqua, acqua e un gin tonic dopo il lavoro!”. Marko Reimer di Marko Stipp Motorsport ha dichiarato: “Non c’era nulla da fare contro il caldo al lavoro, quindi ho bevuto diverse bevande, come acqua, bevande energetiche e caffè”. Il suo collega Sven Schnabel si è concentrato talmente tanto sui suoi compiti che è riuscito a non pensare al caldo e a lavorare. Il meccanico di PK Carsport Nico Martens ha dichiarato: “È stato come correre una maratona in una sauna. Il nostro segreto è il nostro fisioterapista Luc che ci mantiene ben idratati con una fornitura costante di acqua fredda con tutti i nutrienti e gli additivi essenziali. Lo fa per tutta la stagione e con grande passione!”.

Anche i rappresentanti della serie, i membri del media team, i fotografi e gli operatori televisivi hanno avuto vita dura in Italia. “Indossare scarpe con suole sottili non è stata una buona idea”, ha detto il reporter della NWES Andre Wiegold. “Mi bruciavano i piedi quando facevo le interviste sulla griglia a causa delle alte temperature dell’asfalto”. Fotografi e cameraman hanno trascorso ore sotto il sole durante il fine settimana e hanno usato creme solari, molta acqua e la volontà di ottenere le migliori immagini possibili per svolgere il loro lavoro a Vallelunga. I fan sono stati forti quanto i concorrenti: 25.000 appassionati di NASCAR hanno sfidato il caldo sulle tribune e nel paddock!

La folla italiana ha reso il Festival Americano di Roma un vero successo con un’atmosfera unica, ma l’evento è stato reso possibile anche grazie ai marshall che hanno mantenuto la sicurezza delle gare. Sono stati impegnati tutto il giorno nel caldo torrido per tutte le gare della NWES e delle serie di supporto e meritano di essere elogiati per il loro lavoro.

La prossima gara della NASCAR Whelen Euro Series si terrà dopo la pausa estiva il 26-27 agosto all’Autodrom Most nella Repubblica Ceca. Tutte le qualifiche e le gare saranno trasmesse in diretta streaming sul canale YouTube della EuroNASCAR, su Motorsport.tv e su vari servizi televisivi in tutto il mondo.