scandola_2105

Rally – MOVISPORT AVANTI TUTTA: SCANDOLA SBANCA “L’ADRIATICO”

Era una partecipazione ampia e qualificata, quella che Movisport proponeva lo scorso fine settimana al 31° Rally Adriatico, giro di boa stagionale della corsa sulle strade bianche italiane
Ancora una volta infatti i colori reggiani hanno sbancato il tavolo di gioco, con Umberto Scandola e Paolo Cargnelutti (Skoda)che hanno vinto una competizione estremamente tirata e spettacolare. Il pilota scaligero ha confermato il suo particolare feeling con la terra marchigiana andando a vincere per l’ottava volta la gara di Cingoli, confermandosi anche recordman. Scandola è anche passato al comando della classifica provvisoria con un solo punto sul compagno di colori Alberto Battistolli, con alle note Simone Scattolin (Skoda). I due hanno perso la leadership di campionato finendo al terzo posto con la sfortuna di essere stati rallentati nel finale da un problema di natura elettrica.

Due terzi del podio dunque caratterizzati dalla firma Movisport, ma vi sono anche tante altre storie importanti, come il solare sesto posto di Luigi Ricci e Alessandro Biordi, con una Fabia anche loro, al rientro dopo diversi mesi di pausa. Gara perfetta, la loro, anche condizionata nel finale da problemi alla valvola pop-off della turbina.

Movisport ha piazzato in totale quattro equipaggi nella top ten, con il versiliese Emanuele Dati e la Citroen C3 condivisa con Fenoli finita al 10. posto rinfrancandoli da un avvio di campionato sfortunato.

Ha sfiorato la top ten l’altro veronese Luca Hoelbling, con Fiorini, 11esimi assoluti, autori di una prestazione costante, con la Skoda, che gli ha permesso di chiudere con il secondo miglior risultato di sempre nella gara marchigiana.

Le aspettative interessanti per il giovanissimo Christian Tiramani, con al fianco Fabio Grimaldi non sono state disattese. Il giovane driver ha infatti chiuso la sfida a Cingoli, con una Fabia anche lui, al 13esimo posto assoluto con una prestazione esaltante e concreta. L’evergreen Piergiorgio Bedini, con Faustino Mucci, sulla Renault Clio Rally5 ha finito in 11^ posizione di classe.

Un altro alloro, quello del gradino più alto del podio Movisport lo ha avuto in regalo da Andrea Spataro e Omar Piras al Rally Valle d’Intelvi, a San Fedele d’Intelvi in Lombardia, con la Volkswagen Polo R5. Reduce da due ritiri su altrettante gare, il pilota lariano puntava al riscatto, pensando anche che lo scorso anno questa gara la vinse. Tutto ha girato al meglio, riscattando decisamente un inizio stagione per nulla solare per lui.

Questo fine settimana sarà intenso, con una folta partecipazione al 30. Rally internazionale del Taro, a Bedonia, Parma, secondo atto della serie International Rally Cup. I colori Movisport saranno difesi da una compagine ampia e qualificata, fatta da ben cinque equipaggi. Guiderà la “spedizione” l’equipaggio reggiano composto da Gianluca Tosi e Alessandro Del Barba, con la Skoda Fabia Evo. Dopo l’avvio della serie all’Elba condizionata dal maltempo nel finale, il driver di Carpineti punta al riscatto pieno, per insediarsi nei posti al sole dell’assoluta. Torna subito in gara poi il giovane Tiramani, con sempre Grimaldi al fianco sulla Fabia, per proseguire di certo a fare bagaglio di esperienza oltre che nei risultati di spessore sull’asfalto. Alex Ferrari e Matteo Nobili (Peugeot 208 Rally4) cercheranno di dare una decisa svolta al trend negativo che li condiziona da inizio anno, con due ritiri al Ciocco e Alba, Davide Incerti e Monica Debbi, Citroen DS3, saranno alla loro prima uscita stagionale così come Mauro Ibatici, stavola affiancato da Manuel Rinaldi sulla Renault Clio RS.

Non mancherà poi una nuova puntata internazionale. Al Lansirannikon Ralli, a Turku, Giovanni Trentin e Danilo Fappani saranno di nuovo al via nel Campionato nazionale di Finlandia con la Ford Fiesta Rally4. I portacolori di Aci Team Italia, alla quarta prova della stagione, arrivano per terzi di categoria, con l’obiettivo di proseguire anzitutto l’apprendistato del giovane driver veneto e provare ad attaccare il podio.

NELLA FOTO: Scandola in azione (Bettiol)