tcreurope_2006

TCR European Endurance – Vallelunga, Race final: seconda vittoria consecutiva per Konukoǧlu/Brigliadori

Dopo un’ottima prestazione nel primo stage, Turgut Konukoglu ed Eric Brigliadori sono riusciti a mantenere la testa della corsa nella parte conclusiva del secondo appuntamento del TCR European Endurance, portando così a casa la vittoria presso l’Autodromo di Vallelunga. L’Audi RS3 LMS #2 di TEXACO Team AMS ha così centrato il secondo successo consecutivo con ampio margine, tagliando il traguardo in prima posizione anche nel secondo stage.

Non è stato tuttavia un inizio semplice per Konukoglu, che è stato sorpassato al via dalle due Audi RS3 LMS di Tommaso Fossati e Sandro Pelatti – con quest’ultimo che ha preso la testa della gara dopo i primi metri. La parte inaugurale del secondo stage ha visto il pilota di PMA Motorsport costruire un buon vantaggio su Fossati, che ha dovuto tenere a bada Konukoglu nei primi 25 minuti. Alle loro spalle, l’Audi RS3 Gen-1 di Barkin Pinar ha mantenuto la quarta piazza, mentre Seda Kaçan (Audi RS3 DSG) e Alberto Rodio (Cupra TCR DSG) hanno lottato per la prima posizione di classe DSG.

Una volta aperta la finestra adibita ai pit stop, la prima vettura a rientrare ai box è stata la Cupra TCR DSG di Brothers in Arms, con Claudio Gentili che ha lasciato la vettura al fratello Adriano in terza posizione di classe DSG. Pochi minuti dopo, TEXACO Team AMS ha chiamato Konukoglu ai box per un pit stop anticipato, sperando di sfruttare il passo di Eric Brigliadori per salire in vetta alla classifica. Una decisione che si è poi rivelata corretta, con Brigliadori che ha conquistato la prima posizione virtuale in occasione del giro successivo dopo i pit stop di Pelatti e Fossati. La testa della corsa è dunque stata ereditata da Pinar – un grande traguardo per l’unica vettura di prima generazione al via – prima che il turco entrasse ai box per lasciare la vettura al suo compagno di squadra Zekai Özen.

Brigliadori ha poi controllato il resto della gara, mantenendo la calma e incrementando il proprio margine su Pelatti. Il pilota di PMA Motorsport era impegnato a mantenere la seconda posizione nei confronti dell’alfiere di Fox Racing Team Filippo Barberi; sfortunatamente, il giovane pilota italiano ha dovuto concludere anzitempo la sua corsa per via di un problema tecnico che ha colpito la sua vettura a tre minuti dalla fine. Questo ha portato ad una lotta interna per l’ultimo posto sul podio assoluto, con Ibrahim Okyay impegnato a difendere la posizione dagli attacchi di Özen. Una volta scaduto il tempo a disposizione, è stato Brigliadori a transitare per primo sul traguardo – nonostante una penalità di 15 secondi per non aver rispettato la durata minima del pit stop – conquistando così la seconda vittoria stagionale con 47 secondi di margine su Pelatti. Nella lotta per la terza piazza, nonostante Okyay sia riuscito a mantenere la posizione fino al termine della gara, alla vettura numero 4 è stata assegnata una penalità di cinque secondi per una simile infrazione commessa da Brigliadori. Questo ha fatto scivolare l’equipaggio turco al quarto posto, permettendo alla vettura numero 3 di Pinar/Özen di salire sul podio dopo la loro ottima prestazione di Sabato. La coppia formata da Okyay e Seda Kaçan è comunque riuscita a portare a casa il successo di classe DSG, davanti all’equipaggio di RC Motorsport di Paolino/Rodio e alla Cupra di Brothers in Arms affidata ad Adriano e Claudio Gentili.

Con il secondo appuntamento dell’anno in archivio, il TCR European Endurance tornerà in pista tra un mese, con il Misano World Circuit pronto ad ospitare la terza corsa della stagione in 22 giugno.