scuderiapalladio_1203

RALLY – La Scuderia Palladio vince a Bardolino con Bottoni e Peruzzi

Non c’è stata la nevicata come nel 2022 ma anche per l’edizione corrente il Rally del Bardolino ha dovuto fare i conti con le avverse condizioni meteo che ne hanno condizionato, in parte, lo svolgimento. Non ha però messo in difficoltà più del dovuto la Skoda Fabia Evo con la quale Federico Bottoni e Sofia Peruzzi si sono aggiudicati la gara realizzando anche la doppietta, visto che avevano primeggiato anche nell’edizione del 2022, e portando così un nuovo alloro in casa Scuderia Palladio.

Prese le misure nei due passaggi sulla breve prova del prologo del venerdì, il duo chiudeva la prima giornata con soli sei decimi di gap rispetto al sorprendente Facco ma già dalla prima speciale del sabato cambiava passo e, firmato il secondo scratch, passava al comando senza più lasciarlo. Ai due della prima parte di gara, Bottoni sommava altre quattro vittorie parziali che portavano a sei il conteggio delle prove vinte, andando così ad impreziosire la vittoria assoluta ottenuta con 21”6 sul secondo classificato.

“Questa seconda vittoria a Bardolino ci fa iniziare la stagione sportiva nel migliore dei modi – racconta Bottoni – e assieme a Sofia, sono molto soddisfatto di aver portato al successo la Scuderia Palladio. Le condizioni meteo ci hanno messo alla prova e la tanta pioggia caduta ha ridotto sensibilmente il grip nelle prove speciali. Grazie però ad una vettura perfetta messaci a disposizione da PA Racing e dalle azzeccate regolazioni di assetto e scelta pneumatici, siamo riusciti a tenere alto il livello e difendere la posizione acquisita dopo la prima prova del sabato. Ringraziamo, Sofia ed io, i nostri genitori in primis e tutti i sostenitori che una volta di più ci hanno permesso di raggiungere un risultato importante per noi e per la scuderia”.

Poca fortuna, invece, per Fabio Andrian in gara al fianco di Michele Caliaro iscritto, anch’egli con una Skoda Fabia, coi colori di un’altra scuderia; la loro gara è infatti terminata dopo la disputa della terza prova speciale