gryazin_1506

PER MOVISPORT STAVOLTA IL PROFUMO E’ . . . “EUROPEO”

Da quello “iridato” a quello Europeo, il “profumo” rallistico è sempre lo stesso. Ed è forte, per Movisport, che questo fine settimana partirà per la nuova avventura del Campionato Europeo, con due sue pedine, il russo  Nikolay Gryazin ed il giovane bresciano Giovanni Benvenuto Baruffa, che questo fine settimana affronteranno gli sterrati del 77° Rally of Poland a Mikolajki, nel nord-est del Paese, nella regione dei laghi.

Gryazyn-Alexandrov (VolksWagen Polo R5), fermatisi dopo cinque prove per problemi al radiatore al recente Rally d’Italia, tornano in gara per allenarsi in vista dei prossimi appuntamenti iridati del WRC-2 mentre per Baruffa sarà la prima esperienza oltre confine, affrontata con il fiorentino Simone Brachi, con la Peugeot 208 Rally4. L’obiettivo è quello di entrare subito in un campionato internazionale di riferimento per accelerare le ambizioni di crescita nel mondo dei rally. Il Rally of Poland è il primo dei sei appuntamenti del FIA European Rally Championship valevole per

lo Junior 3, la serie riservati ai piloti under 27 al volante delle vetture a due ruote motrici Rally4 e Rally5. Al via 76 equipaggi provenienti da 25 nazioni diverse di cui 12 giovani iscritti all’ERC3. Giovanni Benvenuto Baruffa, sarà alla sua 14esima gara in carriera.

Grande attesa per il terzo impegno di Kevin Gilardoni nel Lamborghini Super Trofeo Europa, che si porterà nel celebre Circuito di Zandvoort, in Olanda. Olanda- Gilardoni in coppia con Leonardo Pulcini con la sua Huracan dell’Oregon Team. Dopo il successo pieno ad inizio mese al “Paul Ricard” in Francia, dimostrando forza e maturità insieme al suo compagno di avventura, adesso ci riprova in un’altra domenica infuocata, dove la coppia cerca il bis. Adesso sono al comando della classifica con cinque punti sul diretto inseguitore, logico pensare ad un immediato attacco per prendere il largo.

Non mancherà poi un dettaglio importante, quello della 1000 Miglia Classica, dal 16 al 19 Giugno 2021, la corsa del mito, che verrà onorata da Movisport per mano di Enrico Brazzoli insieme all’amico Ennio Tonoli su una bellissima Porsche 356 Speedster del 1954.

Presenza “sostanziosa” al 37° Rally della Lanterna con ben cinque portacolori, idealmente capitanati da

Giacomo Scattolon – Simone Cuneo, sulla  Volkswagen Polo R5. Il pilota pavese sarà in gara a titolo di test in vista di riprendere il cammino tricolore a luglio per il Rally di RomaCapitale.

Al via, a Santo Stefano D’Aveto, anche  Igor Raffo – Paolo Rocca (Skoda Fabia R5),Paolo Curone – Matteo Raggi (Skoda Fabia R5), Davide Incerti -Monica Debbi (Citroen DS3) e Stefano Ferrarini– Cristian Barini Renault Clio Prod S3

LE GRANDI MANOVRE AD ALBA, VERONA E “ARGIL” IN CHIARO-SCURO

Al Rally di Alba, terza prova del Campionato Italiano WRC (CIWRC), la presenza di spessore con Ivan Ferrarotti – Fabio Grimaldi, sulla Skoda Fabia R5, pronti a piazzarsi ai vertici della classifica per proseguire il trend positivo innescato in Salento il mese passato non ha avuto continuità: il pilota reggiano, per la prima volta al via della gara piemontese, ha chiuso lontano dai vertici, al 30° posto assoluto, gara pesantemente condizionata da una foratura.

Al via, c’era anche anche Stefano Zambon con Pietro Elia Ometto, su una Volkswagen Polo R5, in cerca di riscatto dopo l’incidente patito al recente Rally Camunia ha finito in 33^ posizione assoluta con una prestazione estremamente regolare e volta soprattutto a trovare dialogo con la vettura.

Al Benacvs Rally, valido per la coppa Rally di 3^ zona, Luca Hoelbling- Federico Fiorini e la Hyundai i20 erano decisi a bissare il recente successo del pilota al Rally della Valpolicella. Il portacolori Movisport ha finito la gara sesto assoluto,  subito accusando qualche noia alla pressione dell’acqua che ha rallentato l’azione nel primo loop sulle tre prove in programma. A rendere ancora più impegnativa la gara anche una non perfetta scelta di pneumatici che ha reso più difficile restare in contatto con i primi, che fin da subito hanno imposto al rally un ritmo molto alto.

Al via anche un’altra coppia, quella composta da Marco Ferrari e Maurizio Casari su una Ford Fiesta R5, i quali tornavano in gara dallo scorso marzo, dopo la bella prestazione tra gli over 55 al Rally del Ciocco, l’avvio tricolore.

Infine, all’8° Rally Terra di Argil, Coppa Rally di 7^ zona, Francesco Laganà, in coppia ovviamente con Maurizio Messina, riprovandoci con una Volkswagen Polo R5 ha finito quarto assoluto soprattutto cercando di migliorare il feeling con la “tedesca”. Il pilota calabrese dopo l’esordio con la tedesca a metà aprile a Casarano, coinciso con un terzo assoluto di grande valore, ha dunque dato continuità di risultati.

FOTO: GRYAZIN