alfa_3105

ALFA DELTA A PIENI GIRI A MONZA

E’ partita a pieni giri la stagione 2021 per Alfa Delta, che nella prova d’apertura dell’Alfa Revival Cup, disputata sabato 29 maggio a Monza, ha piazzato a podio ben cinque delle otto vetture schierate.

A partire dalla GTAm di Mathias Koerber, la più evoluta della squadra di Marnate (VA) con motore 2.0 litri “testa stretta” dotato di alimentazione a iniezione sviluppata insieme a Carlo Facetti, 3° assoluto  alle spalle del vincitore Franco Monguzzi e Davide Bertinelli, anche loro su GTAm, e conseguentemente nella classifica di Classe H1-T2000.

Ai piedi del podio è giunta la GTAm #85 condotta da Roberto Restelli, titolare Alfa Delta, insieme allo svizzero Peter Bachofen, mentre Federico Buratti-Massimo Bettati si sono piazzati all’8° posto assoluto. Purtroppo la rottura del differenziale sulla GTAm #188 ha tradito i fratelli Emanuele e Giampaolo Benedini, che partiti dalla pole position, ereditata a seguito di una penalizzazione inflitta a Monguzzi, avrebbero certamente potuto giocare un ruolo da assoluti protagonisti.

Roberto Restelli, che ricordiamo ha corso su due vetture, si è rifatto salendo sul secondo gradino del podio di classe G2-GTS 1600, conquistato insieme all’amico Fabrizio Zamuner al volante della GTA 1600 Gr. 4.

A completare il bottino della “pattuglia bavarese”, le vittorie messe a segno in Classe F-GTS 1600 da Fabian Koerber, con la bellissima Giulietta SZ in versione GTS, e da Christian Ondrak con la GTA Junior 1300 con motore “testa stretta” in Classe G2-TC1300, mentre il figlio Niclas ha conquistato la piazza d’onore in Classe F-TC1600 al volante della Giulia 1600 Ti Super.

Il prossimo appuntamento con l’Alfa Revival Cup è fissato per il 19-20 giugno sul circuito di Misano, ma Alfa Delta sarà impegnata già il prossimo fine settimana, sulla pista francese di Digione, con due vetture nel Greatest Trophy di Peter Auto, una SZ “Coda tronca” per Carrisi e una TZ1 per Restelli-Papaux, e la settimana successiva, dal 8-13 giugno, con altrettante vettura alla Modena Cento Ore 2021.

(Foto Dario Pellizzoni)