CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 100

Equipaggi Audi Sport Italia primi e terzi nella serie GT Sprint dopo l’esordio a Monza

Primo posto in campionato GT Sprint per Riccardo Agostini e Lorenzo Ferrari con 23 punti, uno davanti ai vincitori del mattino Crestani/Greco e ai compagni di colori Daniel Mancinelli e Vito Postiglione, stamattina secondi e nel pomeriggio quinti. Ai punti di stamattina, otto grazie al quarto posto, ne hanno aggiunti 15 conservando la seconda posizione da cui era partito il piacentino accanto alla Mercedes AMG di Luca Segù e Bar Baruch, che è andata a vincere. Letto così sembra una gara tranquilla: tutto il contrario. Ferrari ha dovuto sudare per conservare il secondo posto e la cosa gli è riuscita per sette giri, per poi cedere il volante al padovano in un pit-stop ben calibrato che ha consentito al collega di tornare alle spalle della Mercedes AMG di testa e alla Lamborghini di Cecotto/Perolini che Agostini ha superato al diciassettesimo giro. Ma i dieci giri finali sono stati secondi sotto pressione senza sosta per Agostini, che veniva continuamente attaccato dalla Honda NSX GT3 Evo del poleman della prima corsa Jacopo Guidetti. Con un mestiere da veterano Agostini è riuscito a difendere fino alla bandiera a scacchi i 15 punti che danno a lui e al collega piacentino la testa di un campionato che si annuncia appassionantissimo.

In un tricolore così equilibrato e combattuto si rivelerà di certo un grosso aiuto ai colori dei quattro anelli che il team principal Ferdinando Geri abbia imbastito programmi per due R8 LMS invece che una sola come nel recente passato. Se l’Audi N.12 è andata sul podio infatti, la N.14 di Mancinelli e Postiglione (che il podio lo avevano visitato al mattino) è stata protagonista della rimonta del pomeriggio, a dispetto della posizione di partenza e di 10″ di handicap tampo da scontare al pit stop per il piazzamento del mattino. Qualificato in quindicesima posizione dopo aver scommesso sulla scelta di gomme più sfortunata in qualifica, il pilota lucano si è fatto largo nel folto del gruppo, risalendo fino alla Top10 verso fine stint. Il suo compagno di colori marchigiano ha battagliato da par suo e da decimo che era al quindicesimo passaggio ha superato ogni avversario che gli capitava a tiro, incluso all’ultimo giro per la quinta posizione finale la Lamborghini di Cecotto/Perolini. Grazie al punto in più guadagnato in zona-Cesarini, l’accoppiata Audi ha ora 22 punti come Crestani/Greco, che sono secondi per il successo nella corsa inaugurale del GT Italiano 2021.