buzzi_0408

Podi e soddisfazioni per GR Motorsport ad Alba e Salsomaggiore

La scuderia parmense conquista un’importante vittoria di classe S1600 con Vescovi-Guzzi nella prima tappa del tricolore WRC, andata in scena sulle strade cuneesi; nella stessa gara, 4° posto di classe per il giovane Giovanni Pelosi. Ottimo argento in A6 per Simone Buzzi a Salsomaggiore. Il prossimo fine settimana, GR Motorsport porterà due equipaggi al via del Rally Città di Arezzo, ultima tappa del Raceday Terra e gara inaugurale del Campionato Italiano Terra.

Vincente e convincente alla meta. E ad ogni latitudine. GR Motorsport archivia il primo, impegnativo fine settimana d’agosto con riscontri positivi nelle due gare disputate con i propri equipaggi (nelle foto PhotoZini). Il clou è rappresentato dal Rally Alba, primo atto del Campionato Italiano WRC: qui, ad esaltare sono – come loro solito – Roberto Vescovi e Giancarla Guzzi, autorevoli vincitori di classe S1600 con la Renault Clio del team vicentino PR2. La temuta gara albese – popolata dalle stelle del mondiale – si risolve con un ennesimo inno alla gloria per il pilota di Medesano e la navigatrice di Spino d’Adda, autori di un clamoroso en plein di successi di classe nelle nove frazioni cronometrate in programma; il primato di S1600 non è mai in discussione e l’equipaggio di GR Motorsport allunga progressivamente, permettendosi nel finale di gestire il cospicuo margine acquisito nel corso della gara, mettendo al sicuro un preziosissimo successo in prospettiva campionato. Questo porta i due a rinunciare al successo tra le due ruote motrici, finito nelle mani del fortissimo talento francese Franceschi: niente che possa togliere il sorriso a Roberto e Giancarla, usciti tra gli applausi da una gara di così alto livello internazionale e confermatisi così equipaggio di riferimento della S1600 in azione nel tricolore WRC: il trionfo albese permette quindi a Vescovi-Guzzi d’iniziare al meglio la corsa alla conferma sul trono della Coppa Acisport S1600 dello stesso campionato.

Indicazioni nel complesso positive anche per il giovanissimo Giovanni Pelosi: il pilota ducale, in gara con una Suzuki Swift del team parmigiano Europea Service, vive un più che proficuo esordio nella difficile Suzuki Rally Cup concludendo quarto di classe RSTB1 e nono tra gli agguerriti equipaggi iscritti al trofeo della casa di Hamamatsu; la gara di Pelosi – navigato da Nicola Barla – è interamente volta a prendere confidenza con la vettura ed a scoprire le inedite ed impegnative strade piemontesi, e Giovanni si mette in luce per la lucidità con la quale affronta questo primo impegno e per come riesce a gestire le mille insidie proposte dalla corsa di Alba e pure qualche noia meccanica che lo attarda nelle prime fasi di gara.

Soddisfazioni di rilievo anche da Salsomaggiore, dove Simone Buzzi e Tania Bertasini tengono alto l’onore di GR Motorsport con un bel secondo posto di classe A6. Il pilota di Varano e la navigatrice di Lazise sfoderano una gara tutta concretezza, tesa a raccogliere il miglior risultato possibile in quella che è la terza gara in carriera per Buzzi: obiettivo perfettamente centrato, grazie anche alla Peugeot 106 apparsa competitiva, ben messa a punto e molto affidabile.

BATTILANI E MANGIAROTTI SUGLI STERRATI DELLA VALTIBERINA. Gli ottimi riscontri colti nei giorni scorsi non consentono a GR Motorsport di assopirsi sugli allori, visto che è ormai già tempo di concentrarsi sul prossimo fine settimana, quando due equipaggi della scuderia emiliana disputeranno il Rally Città di Arezzo, valido come ultima prova del Raceday Terra 2019/20 e primo atto del tricolore terra. Sulle strade aretine, il pilota di Traversetolo Fabio Battilani – navigato dalla lucchese Jasmine Manfredi – punterà a fare progressi sulla Hyundai i20 (classe R5) curata dal team friulano RB Motorsport; ormai convertitosi alle strade bianche, Battilani disputerà l’intero Campionato Italiano Terra con l’intento di migliorare le proprie prestazioni sulla professionale ed impegnative trazione integrale coreana.

Vacanze invece in vista per il pavese Daniele Mangiarotti (Renault Clio), il quale concluderà sulle strade della Valtiberina il proprio cammino nel Raceday: il lombardo partirà dalla quinta posizione del raggruppamento riservato alle vetture di classe N3 e tenterà il tutto per tutto per scalare almeno un gradino e, magari, agguantare il podio finale, facendo affidamento anche sulla possibilità di assicurarsi un punteggio maggiorato (carta già giocata dai quattro equipaggi che li precedono nelle precedenti gare di campionato). Per quest’ultimo e decisivo impegno, Mangiarotti si avvarrà del prezioso supporto di Giancarla Guzzi, la quale tornerà dunque in azione con l’intento di aiutare il pilota nell’assalto ad un buon piazzamento nel Raceday Terra.