rpelle_2707

PELLÈ AL VIA DELLA #SUZUKI RALLY CUP

Lockdown sportivo in fase di chiusura per Roberto Pellè, pronto a lanciarsi in una nuova sfida nella Suzuki Rally Cup, a partire dal prossimo Rally di Alba.

Il pilota di Trento, affiancato dall’inseparabile compagna Giulia Luraschi, è pronto a dare battaglia, in quella che è da sempre un’autentica gabbia di leoni, con un’importante novità.

Abbandonata la Suzuki Swift in versione R1 il portacolori della scuderia Destra 4, grazie al lavoro svolto da A. Bi. Car Racing, si siederà al volante della nuova versione 1.0 turbo boosterjet, in categoria Racing Start, a partire dal prossimo fine settimana.

“Dopo il blocco per il Coronavirus sarà la nostra prima uscita” – racconta Pellè – “e sarà il primo appuntamento valido per la Suzuki Rally Cup. Sarò affiancato anche quest’anno dalla mia compagna, Giulia Luraschi, e saremo al via con una vettura del tutto nuova, la Suzuki Swift 1.0 turbo boosterjet, dalla quale ci aspettiamo molto. La configurazione sarà Racing Start, come da nuovo format dedicato da Suzuki Italia. Abbiamo fatto pochissimi test con questa nuova vettura ma possiamo dire che l’intento è quello di puntare, sicuramente, alla vittoria di classe ma anche di cercare di far bene nell’assoluta della Suzuki Rally Cup. Siamo consapevoli che la concorrenza ha a disposizione maggiori evoluzioni, grazie al regolamento R1, ma siamo certi che il lavoro svolto da A. Bi. Car Racing, ringraziando di cuore il titolare Alessandro Bisoffi, ci permetterà di toglierci delle belle soddisfazioni. La vettura è al top e noi siamo pronti al via.”

Sei gli appuntamenti sui quali si articolerà la Suzuki Rally Cup 2020: aprirà la serie, il prossimo fine settimana, il Rally di Alba, poi seguito dal Rally Ciocco e Valle del Serchio (22 Agosto), dal Rally Targa Florio (12 Settembre), dal Rally di Sanremo (3 Ottobre), dal Rally Due Valli (24 Ottobre) ed dal conclusivo Rally Trofeo ACI Como (6 Novembre).

“Siamo contenti di poter essere nuovamente al via della Suzuki Rally Cup” – aggiunge Pellè – “perchè è un trofeo che permette di affrontare gare prestigiose e di lottare a denti stretti contro tanti avversari, così come erano le gare di una volta, in qualsiasi classe.”

L’edizione numero quattordici del Rally di Alba, in linea con le normative nate per il contenimento del Coronavirus, si svilupperà su tre prove speciali, tutte da ripetere per tre passaggi: “Costa San Luigi” (17,14 km), “Lovera” (10,45 km) e “Niella – Bossolasco” (6,20 km).

“Abbiamo già corso qui lo scorso anno” – conclude Pellè – “ma siamo arrivati un po’ indietro in classifica per una toccata, a metà gara, e per i tempi imposti causati dall’annullamento di varie prove speciali. Gara molto veloce con un fondo che si sporcherà tantissimo, per chi come noi partirà con numeri alti. Un grazie di cuore a tutti i partners che hanno deciso di sostenerci anche in questo 2020 molto complicato. Ci auguriamo di poter gratificare tutti i loro sforzi.”