rcremona_2107

Pirelli National Trophy – A MISANO CREMONA VUOLE UN CAMBIO DI ROTTA

Lo sgambetto del Mugello è già un brutto ricordo ed ecco che per Roberto Cremona si presenta l’occasione, durante l’imminente weekend, di invertire il senso di marcia di una stagione che, almeno per il momento, non si è rivelata amica.

Il pilota di Costabissara attende con ansia il terzo atto del Pirelli National Trophy, quello che andrà in scena i prossimi 25 e 26 Luglio al Misano World Circuit, determinato nel voler pareggiare un conto con la sorte che lo vede attualmente in svantaggio.

Un appuntamento, quello con il tracciato intitolato alla memoria del compianto Marco Simoncelli, che riporta alla mente del vicentino un ricordo positivo, quello targato 2019.

“Nelle difficoltà bisogna sempre cercare di guardare avanti” – racconta Cremona – “e non di rimpiangere quello che è accaduto nel passato. Il Mugello è già nel dimenticatoio e stiamo lavorando per poterci presentare al meglio delle nostre possibilità attuali a Misano. Lo scorso anno qui è andata abbastanza bene. Eravamo fermi da un anno e, durante le sessioni di prove, avevamo fatto un importante passo in avanti, migliorando di due secondi il nostro tempo ed iniziando a girare sul quarantadue. Poi, purtroppo, un problema tecnico alla mia moto mi ha obbligato a correre con una di ripiego e non è stato facile. Nonostante questo avevamo girato in quarantadue basso in gara, con un best di 1’41”8, ed eravamo riusciti a tenere il passo del treno di testa, prima di un mio errore. Vogliamo partire da questo ricordo positivo per la gara.”

I guai di natura tecnica patiti al Mugello costringeranno il portacolori di RC Team, sempre supportato sul campo da A.P. Racing, a presentarsi con una versione quasi stradale della Ducati Panigale 1299, con la consapevolezza di dover lottare contro i mulini a vento.

“I problemi accusati al Mugello non sono stati riparati in tempo utile” – aggiunge Cremona – “e quindi ci troveremo al via con la nostra Ducati in versione originale, ad esclusione di scarico e centralina. La moto è totalmente stravolta. Sarà una missione impossibile poter competere con rivali ben più attrezzati di noi. Sarà un altro weekend complicato ma noi ci crediamo e vogliamo essere presenti per cercare di ottenere il miglior risultato possibile. Siamo comunque realisti.”

Una trasferta che, sulla carta, risulta essere quasi transitoria per un Cremona che vuole guardare al futuro con ottimismo, cogliendo ogni opportunità per la propria crescita sportiva.

“Siamo consapevoli che con queste condizioni avremo vita dura” – conclude Cremona – “ma, al tempo stesso, avremo modo comunque di confrontarci in campo gara e di raccogliere informazioni utili per lo sviluppo del nostro progetto. Il Pirelli National Trophy è un contesto molto competitivo e siamo qui perchè vogliamo riprendere il cammino di crescita che abbiamo bruscamente interrotto, lo scorso anno, proprio al Misano World Circuit Marco Simoncelli.”