senigaglesi_2309

Senigagliesi-Lupi e Maranello Corse sul trono del rally di Casciana Terme

Ancora un successo per il forte equipaggio pisano schierato dalla scuderia emiliana (foto Dam Rally Emotions): a bordo di una Skoda Fabia di MM Motorsport, Senigagliesi-Lupi dominano la gara restando in testa sin dalla prima prova speciale. Sfortuna per Perna-Favali, ritiratisi nelle fasi finali.

Il serial winner di Maranello Corse prosegue la striscia vincente: Carlo Alberto Senigagliesi e Marco Lupi centrano a Casciana Terme il terzo successo in altrettante uscite stagionali (per il pilota di Pomarance, è il 22° sigillo negli ultimi 39 rally disputati). Vittoria mai in discussione, quella dell’esperto equipaggio portato in gara dalla scuderia modenese: Senigagliesi-Lupi, di nuovo in azione sulla Skoda Fabia di classe R5 preparata dalla lucchese MM Motorsport, prendono subito in mano le redini della competizione termale per non lasciarle più. I due allungano subito e poi gestiscono il vantaggio con assoluta maestria, concedendo ai rivali solo le briciole di qualche successo parziale (Senigagliesi firma quattro centri sulle sette prove in programma). Nemmeno le difficili condizioni meteo mettono in difficoltà la Fabia griffata Maranello Corse: l’equipaggio toscano non solo è perfetto nella guida, ma è perfetto anche nella scelta degli pneumatici.

Gara da dieci e lode, dunque, quella di Carlo Alberto Senigagliesi e Marco Lupi, i quali alla fine si ritrovano a stappare lo spumante sul gradino centrale del podio di Casciana: per loro è il terzo hurrà dopo quelli del Val Cecina e di Reggello, mentre il pilota festeggia il quarto trionfo nella bella gara di casa.

Decisamente sfortunato il Casciana di Giuseppe Perna ed Alessio Favali: il pilota lucchese ed il navigatore pisano (Peugeot 208 di MM Motorsport) disputano una gara regolare veleggiando in quinta posizione di classe R2B sino a quando un’infelice scelta di pneumatici costringe l’equipaggio a percorrere la quinta prova a velocità ridotta; i quasi due minuti persi inducono Perna-Favali ad abbandonare la corsa con due prove d’anticipo.