dodaro_0506

Vellani e Dodaro (Maranello Corse), al Taro fate i… ripetenti

Il veterano matildico torna sulle strade parmensi per bissare il successo ottenuto dodici mesi fa, mentre il 33enne scandianese punta a ripetere il successo di classe e nel trofeo Corri con Clio.

Un tandem d’attacco. Veloce, incisivo e determinato: anche a ripetersi. E’ quello che Maranello Corse presenterà al via del rally Nazionale del Taro, in programma il prossimo fine settimana sulle strade Parmensi dell’Alta Val di Taro. A difendere i colori della scuderia modenese saranno i piloti reggiani Roberto Vellani e Diego Dodaro e, per entrambi, nel mirino c’è un bis di coppe.

Roberto Vellani (stavolta navigato dall’aretino Filippo Alicervi) arriverà a Borgotaro per difendere il successo colto nella passata edizione del rally. Allora fu una cavalcata trionfale, un successo ipotecato sin dai primi metri di gara. Per ripetere l’impresa, il 54enne di Quattro Castella correrà sempre sulla Peugeot 208 di classe R5 di MM Motorsport, con la quale ha colto diversi allori, l’ultimo dei quali all’Appennino Reggiano Nazionale di due mesi fa.

Pure Diego Dodaro (foto Dino Benassi) approderà nella parte alta dell’Appennino Parmense per ripetere un successo: nel suo caso, si tratta del più fresco hurrà colto proprio all’Appennino Reggiano ‘tascabile’ d’inizio aprile in classe N3 e nel trofeo Corri con Clio, grazie al quale ora il 33enne di Scandiano scatterà da leader del monomarca di casa Renault (con 34,4 punti). Dodaro ritroverà sul sediolo destro della vettura preparata da VSport il giovane di Arceto Luca Zanni: equipaggio fresco di formazione ma apparso subito affiatato e, soprattutto, vincente. Un eventuale, secondo successo potrebbe dare il là ad una fuga nel trofeo dedicato alle Renault Clio di gruppo N, ma Dodaro e Zanni sanno che la scalata al gradino centrale della N3 richiederà sudore, pazienza e lucidità in quantità industriali.

Il rally Nazionale del Taro prenderà il via sabato 8 giugno alle 18.20 per entrare subito nel riordino notturno. La gara vera e propria andrà in scena il giorno seguente, con la disputa delle sei prove in programma per un totale di 249 chilometri (70 cronometrati). Bandiera a scacchi a Bedonia alle 16.04.