Onidi_2405

MONACO, QUALIFICHE: 12° POSTO PER COLETTI UNDICESIMA FILA PER ONIDI

Stefano Coletti partirà dalla dodicesima piazza nella Feature Race della GP2 domani a Montecarlo, mentre Fabio Onidi prenderà il via dall’undicesima fila, partendo dal 21° posto. È un risultato maturato al termine di una Qualifica difficile sul cittadino di Monaco, una sessione in cui la fortuna nell’evitare il traffico ha giocato ancora un ruolo chiave, nonostante la decisione della GP2 di dividere la griglia in due gruppi dando a ciascuno di essi 14 minuti per ottenere il miglior tempo.
Stefano Coletti era parte del Gruppo A, fatto che da solo è bastato a levargli ogni chance di ottenere la pole: i piloti del primo gruppo hanno infatti trovato la pista ancora sporca dopo uno scroscio di pioggia caduto nel primo pomeriggio, fatto che li ha svantaggiati notevolmente rispetto ai piloti del secondo raggruppamento. Su un asfalto che migliorava giro dopo giro era chiaro a tutti che l’ultimo tentativo sarebbe stato quello decisivo per la posizione in griglia, e la sorte non ha arriso a Coletti. Stefano ha fatto segnare un ottimo primo intertempo, ma all’uscita del tunnel ha trovato Kral che lo ha rallentato, impedendogli di fatto di migliorare. Coletti ha finito al sesto posto, che significa sesta fila con questo particolare sistema di qualificazione.
Fabio Onidi era invece parte del Gruppo B; alla sua prima esperienza a Monaco Fabio ha iniziato bene con una buona sessione di Prove Libere, che ha chiuso al 16° posto. Anche l’inizio della sua Qualifica è stato buono, con il talento italiano che è stato tra i piloti più veloci in pista nei due primi tentativi. Poi, però, Fabio ha iniziato a soffrire di un leggero sovrasterzo che gli ha impedito di migliorare negli ultimi minuti della sessione, e che lo ha quindi portato a chiudere in undicesima piazza di Gruppo, cioè 11esima fila.

Paolo Coloni: “Ovviamente non siamo soddisfatti perché il risultato è sotto le nostre aspettative, ma quantomeno sappiamo che non si tratta di un problema di passo. Con Stefano eravamo a soli tre decimi dalla seconda fila, un margine che avremmo colmato senza problemi se non avessimo trovato sulla nostra strada una vettura più lenta. Succede, specialmente a Monaco, e dobbiamo accettarlo.
Anche con Fabio ci aspettavamo un risultato migliore, nonostante qui lui sia al debutto la sessione di Libere aveva dimostrato che il pacchetto macchina-pilota aveva un potenziale molto migliore. Comunque la gara di domani è lunga, e c’è un pit-stop che ci permetterà di lavorare con la strategia. Daremo il massimo per rimontare, anche se sappiamo che a Monaco non è impresa facile”.