gabbiani_0811

Dall’offshore alla guida al buio, autunno di emozioni e solidarietà per Gian Maria Gabbiani

Nonostante il break autunnale nelle attività agonistiche, che porterà fino agli appuntamenti col Rally Vedovati ed il Monza Rally Show, Gian Maria Gabbiani resta in piena azione con eventi e beneficenza. A ottobre è stata la volta dello spettacolare appuntamento con One Drop. La fondazione, promossa dal miliardario canadese Guy Laliberté, ha portato quattro ospiti di altissimo profilo a provare uno scafo da Offshore Classe 1 sul Lago di Como, con tanto di supporto aereo e di terra. Per Gian Maria, che tramite la sua agenzia, WazaBe, ha organizzato la parte operativa, un’occasione speciale, orientata a raccogliere fondi per garantire l’accesso all’acqua potabile anche nei paesi meno sviluppati, oltre al ritorno sulla barca che l’aveva visto debuttare nel Mondiale.

“L’evento sul Lago di Como è stato emozionante, sia per le tante variabili che ne hanno caratterizzato l’organizzazione e che ci hanno tenuto sulla corda sino al grande successo finale – ha spiegato Gian Maria – Sia perché mi ha visto tornare su uno scafo che ha “battezzato” il mio debutto in Classe 1. E’ stato bellissimo vedere quanto sia apprezzato e conosciuto il Lago di Como a livello internazionale, e sono stato felice di notare la grande soddisfazione dei VIP che hanno partecipato.”

Nei primi giorni di novembre è stata poi la volta di 6 Ruote di Speranza, evento pensato per regalare le emozioni della pista a tanti appassionati con disabilità. Oltre a partecipare, Gian Maria ha anche effettuato i primi test di “guida al buio” che lo porteranno a tentare un record mondiale per la più alta velocità media nella guida bendata. Al volante di una Abarth 124, Gian Maria ha già di fatto abbattuto il precedente primato, con una media sul tracciato brianzolo di oltre 64 chilometri orari. Manca ora solo il sigillo ufficiale in presenza degli Steward dei Guinness World Records.

“Sono felice di aver preso parte a 6 Ruote di Speranza, splendida manifestazione che ha offerto anche il palcoscenico per il test (riuscito) di guida al buio in ottica record mondiale. Voglio ringraziare Omar Frigerio, che mi ha “guidato” nel tentativo e Abarth, che ha dato il suo supporto. E’ stato emozionante anche poter conoscere Anneliese Abarth, che è tuttora a capo della Carlo Abarth Foundation. Ora non resta che l’ufficializzazione da parte del Guinness World Records.”

Per Gian Maria i prossimi appuntamenti saranno il Rally Vedovati Corse, in programma questo weekend, ed il Monza Rally Show dall’1 al 3 dicembre. Nel frattempo, ci sarà anche la partecipazione a Ottobiano Sport Show, evento benefico finalizzato alla sensibilizzazione e alla raccolta fondi per la ricerca sulle lesioni spinali.