sceriffo_1511

Federico Sceriffo Campione della Red Bull Drifting Battle 2016

Si è concluso nelle scorse settimane il Red Bull Drift Battle 2016 presso il Zhuhai International Circuit, in Cina, davanti ad un folto pubblico di oltre 30,000 persone che ha visto i più famosi e competitivi drifter Mondiali sfidarsi per la corona d’alloro finale. L’italiano Federico Sceriffo si è imposto al termine di una battaglia tiratissima per un solo punto nei confronti del rivale indonesiano Amanuelle Amandio, aggiudicandosi così l’ennesimo meritatissimo titolo della sua carriera.

La via per arrivare alla finale è stata lunga, con ben 11 sfide che si sono svolte in 2 batterie per dei confronti diretti lungo una sezione di circuito lungo 260 metri in cui i giudici hanno valutato l’angolo massimo del traverso, velocità massima, e la distanza dal leader ed ovviamente come ciliegina sulla torta la fumosità delle gomme posteriori, tutti elementi base e spettacolari di questi bellissima disciplina.

Nella finale Federico ha messo in atto una meravigliosa prova, con una velocità impressionante con una furente abilità guidando in testa l’intera prova. Il risultato di Sceriffo è stato in rimonta perché nella seconda battaglia in cui seguiva la vettura di Amandio, si è trovato la visuale ostruita dal fumo dell’indonesiano che ha provato di tutto per far scivolare Federico in un errore che l’ha portato ad urtare il muro di cemento con il retro della sua potentissima Lexus. Ma con la caratura di un vero campione, si è rimesso subito in gioco, terminando pari 5:5 e aggiudicandosi nella somma totale la vittoria per un solo punto.

Federico Sceriffo
“Per me è stata una grande gara. Anche se la vettura ha urtato il muro penalizzando poi il prosieguo della mia gara, sono felice di aver conquistato questo titolo. Inoltre sono certo che i fans si ricorderanno di me e sono pronto a tornare qui il prossimo anno per puntare ad entrambi i titoli. Red Bull Drift Battle ha invitato i miglior drifters di tutto il mondo, il livello è stato davvero altissimo. La Cina non ha ragione di invidiare nessun altro stato perché qui è il futuro, ci sono più spettatori di qualsiasi altro Motorsport , l’atmosfera è davvero qualcosa di eccezionale qui e per me è una seconda casa”.