Lorenzo Grani, Alessia Bertagna (Peugeot 208 R R2B #40, Movisport)

Bierremotorsport-SporAuto Manicardi campione R2 del Campionato Italiano WRC

L’equipaggio composto da 22enne pilota di Maranello e dalla 20enna
navigatrice di Lucca conquista nell’ultima gara del Campionato Italiano WRC l’ennesimo successo di classe e regala al team modenese la Coppa Acisport R2.

Vincere vincendo: non c’è modo migliore per congedarsi da un campionato ed è in questo modo che la compagine di Ivano Berselli e Marcello Manicardi ha completato la propria campagna nel Campionato Italiano WRC di rally. Il successo di classe R2B conquistato nel Trofeo ACI Como, infatti, permette a Bierremotorsport-SportAuto Manicardi di mettere in cassaforte la Coppa Acisport di classe R2. Un successo importante – che replica quello conquistato nel 2009, allora con una Citoren C2 -, che peraltro va ad aggiungersi al titolo di raggruppamento già conquistato con una gara d’anticipo nella Michelin Rally Cup.
A Como, Grani-Bertagna avevano solo il compito di arrivare al traguardo ‘marcando’ il rivale diretto per la conquista della Coppa R2. Eppure, anche sulle strade lariane, la Peugeot 208 biancorossa ha dettato legge, conquistando le quattro prove speciali in programma nel primo giorno di gara ed assicurandosene due delle restante quattro, il giorno dopo.
Vittoria perentoria, che la dice lunga sulla superiorità del giovanissimo equipaggio composto da Lorenzo Grani e da Alessia Bertagna, autentici dominatori della classe R2B di questo Campionato Italiano WRC.
Doveroso ricordare il ruolino di marcia tenuto dall’equipaggio griffato Bierremotorsport-SportAuto Manicardi: quattro vittorie di classe, un secondo posto, ventinove prove speciali vinte su quaranta disputate; l’en plain di Grani-Betagna assume maggiore valore se si pensa che il team emiliano ha disputato una gara in meno degli avversari. La straordinaria crescita di Grani non è passata inosservata nella stanza dei bottoni dei rally tricolori: il pilota di Maranello è stato selezionato infatti per l’annuale Supercorso federale di fine stagione.
Prima di allora, però, Grani-Bertagna torneranno a bordo della Peugeot 208 della Bierremotorsport-SportAuto Manicardi: avverrà il prossimo fine settimana, al rally della Val d’Orcia, seconda prova della Challenge Raceday Terra. E sia per il team geminiano, sia per l’equipaggio, sarà il debutto sui fondi sterrati.
Intanto, però, è tempo di celebrare il glorioso epilogo del Campionato Italiano WRC. Ivano Berselli, fondatore e team manager di Bierremotorsport-SportAuto Manicardi, fotografa così la seconda stagione con Lorenzo Grani: “Non avevo dubbi sulle qualità della squadra e del mio socio Marcello Manicardi, e sono rimasto molto impressionato dalla grande crescita evidenziata quest’anno da Lorenzo. Abbiamo disputato una stagione al limite della perfezione sul piano della preparazione dell’auto, dell’affidabilità e della strategia; Lorenzo è stato sempre velocissimo, mai falloso ed impeccabile nella gestione delle gare.
Meglio di così non avrebbe potuto andare: lo ammetto, ad inizio anno ero sicuro che avremmo ben figurato, ma ma non avrei mai immaginato che avremmo saputo tenere un ruolino di marcia del genere. La ciliegina sulla torta è la selezione di Lorenzo al Supercorso, che premia il gran lavoro svolto dal ragazzo e dalla squadra”.
Al direttore tecnico Marcello Manicardi il commento sulla quinta ed
ultima fatica stagionale nell’Italiano WRC: “A Como la parola d’ordine era arrivare stando alla larga dai guai per mettere le mani sulla Coppa R2 ed è quello che abbiamo fatto, ma con qualcosa in più. E cioè, abbiamo vinto vincendo. Ma non è stato facile: alla vigilia eravamo tutti molto tesi e lo shake down pre-gara non ci aveva lasciato molto tranquilli. Poi, invece, è andato tutto bene: Lorenzo si è adattato alla grande ad alcune modifiche che abbiamo apportato alla Peugeot 208 ed ha gestito la gara con la maturità non di un 22enne, ma di un professionista consumato. Soprattutto nel finale è stato davvero eccezionale. Ci spiace solo per il nostro rivale Marco Oldani, uscito di scena nel finale: lui ed il suo team sono un gruppo che stimiamo molto, con il quale siamo onorati di esserci confrontati e che reputiamo grandi rallysti ed autentici sportivi. Festeggiamenti? Non ce n’è il tempo: siamo già in officina a preparare la macchina per l’esordio sulla terra: la prossima settimana, al Val d’Orcia, correremo per fare esperienza ed imparare”.
Dulcis in fundo, parola al ‘cannibale’ della R2B: “Dopo aver vinto il
raggruppamento della Michelin Rally Cup, abbiamo conquistato anche questa Coppa Acisport R2, centrando il secondo dei due obiettivi stagionali. Abbiamo corso ragionando in quest’ottica, senza prenderci rischi, soprattutto nel finale; peraltro, la gara non ci era
particolarmente congeniale ed anche le strade, come previsto, si sono dimostrate piuttosto scivolose.
La nostra stagione è andata al di sopra delle nostre aspettative: pensate che eravamo partiti con l’idea di fare due gare e vedere, in base all’esito, se continuare o meno… Invece, grazie al grande lavoro di tutti, siamo arrivati a questi risultati in un campionato popolato di
avversari veloci ed esperti. Sono orgoglioso di aver conquistato questi titoli con questo gruppo: Bierremotorsport-SportAuto Manicardi è davvero una squadra ottima, che mi ha affidato una vettura sempre molto ben messa a punto, che non ha accusato alcun problema e sulla quale, ad ogni gara, Manicardi è stato eccezionale nel modellare l’assetto in base al mio stile di guida. In più, Marcello mi ha sempre seguito sul piano strategico e pure psicologico, aiutandomi a stare tranquillo anche nelle occasioni, come quella comasca, in cui era più difficile restare sereni.
Non dimentico il ruolo della mia navigatrice Alessia Bertagna: quando abbiamo esordito insieme, a fine inverno, lei era alla sua quarta gara. Alessia è cresciuta molto, con grande umiltà e voglia di imparare, rivelandosi una navigatrice con talento e passione a dosi industriali e con la quale ho raggiunto subito un ottimo affiatamento. Spero di continuare con lei anche in futuro, di sicuro non ho esitato a
sceglierla quando mi hanno selezionato per il Supercorso, perché credo che meriti di fare questa esperienza che ci farà maturare entrambi. La prossima settimana, intanto, debutteremo sulla terra al Val d’Orcia: una gara che sarà un test prezioso proprio in vista del Supercorso”.