schiro_1910

Si chiude con un podio il 2016 di Niccolò Schirò

Un finale di stagione che sicuramente ripaga Niccolò Schirò delle difficoltà di inizio anno. In occasione dell’ultimo appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo andato in scena al Mugello lo scorso fine settimana, il ventiduenne lainatese ha portato a casa il secondo posto al termine di gara-2 regalando ad Easy Race il secondo podio in due apparizioni nella serie tricolore. In coppia con Jaime Melo, Niccolò è stato autore di un fine settimana consistente e concreto che lo ha riportato sotto i riflettori dopo un difficile avvio di stagione nella European Le Mans Series. Con Melo alla guida nel primo turno di prove libere sul bagnato, Niccolò ha preso in mano la Ferrari 488 GT3 nella seconda sessione con pista ancora umida ma potendo montare gomme slick. In qualifica, ha ottenuto il quarto tempo con gomme da bagnato e asfalto umido in progressivo miglioramento,. In gara-1 Niccolò ha preso il volante dal cambio pilota, rimanendo tuttavia bloccato in un trenino che ha portato all’innalzamento delle pressioni delle gomme anteriori ed a un progressivo sottosterzo. In gara-2 invece, partito dal terzo posto per l’assenza di un concorrente, Schirò ha sopravanzato la BMW di Alessandro Zanardi alla prima curva, issandosi in seconda posizione, mantenuta poi da Melo sino alla bandiera a scacchi.

Niccolò Schirò
“Sono molto felice di essere tornato alla guida della Ferrari 488 GT3 di Esay Race. Devo ringraziare Ferdinando (Geri) per questa grande opportunità e sin dal mio arrivo a Spa-Francorchamps nel team mi sono sentito davvero accolto in famiglia. Avere Melo come compagno di vettura per questo ultimo appuntamento è stata per me una grande motivazione e anche soddisfazione data la sua grande esperienza. In gara-1 siamo stati un po’ svantaggiati rispetto agli altri per non aver girato con l’asciutto, mentre in gara-2 con un ottimo pit-stop siamo riusciti a recuperare la posizione sull’Audi, che mi era scappata ad inizio gara quando forse avevamo le pressioni troppo basse. Chiudere al secondo posto, dietro un grande campione come Alessandro Zanardi è sicuramente una nota positiva per questa stagione”.