merli_0910

CHRISTIAN MERLI 2° AL FIA HILLCLIMB MASTERS CON L’OSELLA FA 30

Christian Merli, in occasione del Fia Hillclimb Masters, è tornato al volante dell’Osella FA 30 sul tratto lungo 3,333 chilometri ricavato dalla cronoscalata “Ecce Homo” a Sternberk in Repubblica Ceca. E’ secondo alle spalle di Faggioli, per poco meno di mezzo secondo. Mancano però i tempi della la terza manche, a causa della pioggia che inizia a cadere.

La parata finale

“Gli organizzatori ci hanno chiesto di partire. Simone ed io ci siamo accordati e l’ho aspettato. Abbiamo percorso tutto il tracciato affiancati ed abbiamo salutato il pubblico. E’ stata una simpatica parata. Dal punto di vista agonistico speravo di poter effettuare la terza gara, visto che ero così vicino al mio avversario. Comunque tutto è filato alla perfezione”.

Fia Hillclimb Masters

Un percorso veloce, dove si sono sfidati driver di ben quattordici Stati. Oltre la gara per l’assoluta, vi era la competizione riservata alle nazioni.

La squadra capitanata da Fiorenzo Dalmeri

“Nonostante l’impegno dei piloti e l’impossibilità di disputare la 3ª manche di gara per la pioggia, non siamo riusciti ad arrivare a podio per conquistare il FIA Hillclimb Masters, la Coppa delle Nazioni per intenderci. Grande soddisfazione invece per i risultati in Categoria 2 con Faggioli, Merli e Macario nei primi tre posti, mentre in Categoria 1 ha vinto Lucio Peruggini con la Ferrari 458 Italia. Non solo, ma abbiamo conquistato anche il Trofeo Under 25 con Andrea Bormolini in gara con l’Osella Pa 21 Evo”.

Le prove

Nella prima manche di prove Faggioli, al volante della Norma M20 FC, ferma il crono a 1’21,48 con alle spalle Merli e Macario in gara con l’Osella FA 30. Continua il dominio della squadra italiana capitanata da Fiorenzo Dalmeri, completato da Peruggini in gara con la Ferrari 458, 1° tra le GT. Non cambia la classifica nella seconda prova con Merli che s’avvicina a meno d’un secondo al toscano. Dietro, gli inglesi Moran e Willis. Peruggini mantiene la leadership in Gruppo Gt.

La gara

Cielo velato, ma asfalto asciutto in Gara 1. Davanti c’è il toscano della Norma con Merli a solo 0,57. Quindi gli inglesi Moran e Scott, mentre Macario è 6°. In Gara 2 Faggioli segna 1’17,51. A Christian non entra una marcia ed ugualmente s’avvicina sempre più al leader. Il giovane lombardo Paride Macario è settimo. Lucio Peruggini è al comando tra le GT con la Ferrari 458 Italia. Terza manche di gara. Faggioli e Merli la percorrono al rallentatore, a causa della pioggia sottile che inizia a cadere. Viaggiano affiancati e salutano il pubblico.