Grani_0709

Bierremotorsport-SportAuto Manicardi in Trentino per scalare la vetta della Coppa R2

Al Rallye di San Martino il Campionato Italiano WRC di rally entra nella fase decisiva: il team di Modena affronta la penultima gara con l’intento di conquistare il primato nella classifica della Coppa di classe con la sua Peugeot 208 affidata ai giovani Lorenzo Grani ed Alessia Bertagna.

Quando la strada si fa dura, si sa, sono i duri a fare strada. E allora, Bierremotorsport-SportAuto Manicardi si presenta ai nastri di partenza del Rally di San Martino, quinto e penultimo atto del Campionato Italiano WRC, con la determinazione di fare strada – confermandosi squadra di riferimento in classe R2B – e farsi strada nelle classifiche della serie tricolore. I due successi ed il secondo posto di classe conquistati nelle tre partecipazioni (una in meno dei rivali al titolo di classe) all’Italiano WRC costituiscono un ruolino di marcia più che eloquente ed una solida base sulla quale costruire la volata finale verso un epilogo di stagione da ricordare.

Una volata lunga due gare, dunque, con questo San Martino a fare da probabile ‘arbitro’, con le sue tipiche insidie (anche meteorologiche) che gli hanno conferito nel tempo la fama di rally tra i più impegnativi. Cosa che non fa tremare i polsi alla compagine guidata da Ivano Berselli e Marcello Manicardi, che partirà con la sua Peugeot 208 affidata al maranellese Lorenzo Grani ed alla toscana Alessia Bertagna per dare l’assalto alla vetta della classifica della Coppa R2 e per consentire al suo giovane pilota di allungare nella graduatoria della Michelin Rally Cup.

Per farlo, Bierremotorsport-SportAuto Manicardi ha lavorato con attenzione maniacale sulla preparazione della competizione trentina, sia sul piano tecnico, sia su quello strategico e sportivo, come ci conferma il direttore tecnico biancorosso Marcello Manicardi: “Saliamo a San Martino di Castrozza con grande fiducia e con la grande voglia non solo di tornare a correre dopo la pausa estiva, ma soprattutto di farlo nel contesto di un rally tra i più belli del panorama nazionale. Lo spirito è quello solito: correremo pensando al campionato, e i titoli si vincono senza doversi imporre per forza ad ogni gara. Abbiamo preparato questo appuntamento con la solita cura certosina, insieme al nostro pilota Lorenzo Grani, con il quale abbiamo pianificato le strategie e la messa a punto della macchina. Tecnicamente, porteremo la nostra Peugeot 208 con piccole modifiche pensate per le caratteristiche del percorso, mentre abbiamo in programma alcune soluzioni che proveremo nello shake-down pre-gara e, se necessario, durante il rally, anche in base alle richieste del nostro equipaggio. Quanto a Grani, l’abbiamo ritrovato molto concentrato e sarà importante che, in queste ultime due gare del campionato, riesca a confermarsi sui livelli sui quali si è espresso sinora, mostrando una freddezza ed una lucidità da pilota ben più esperto e maturo della sua età”.

Che Lorenzo Grani sia ‘sul pezzo’ lo si evince dalle considerazioni che il giovane rallysta di Maranello snocciola in questi giorni che precedono l’appuntamento trentino: “Entriamo nella fase cruciale della stagione e adesso sarà ancor più importante curare minuziosamente ogni dettaglio per essere al top sotto ogni aspetto. Sono molto determinato e altrettanto fiducioso, grazie al sempre più intenso feeling con Bierremotorsport-SportAuto Manicardi e con la mia navigatrice Alessia Bertagna. Sono sicuro che si possa fare una bella gara, ma dovremo affrontare il week-end senza cali di concentrazione, anche perché conosciamo gli avversari e sappiamo quanto siano competitivi ed agguerriti. Quanto al percorso, rispetto al 2015 è stato in parte rinnovato con l’introduzione di una nuova prova e con la revisione della Gobbera, mentre non è stata modificata la Val Malene che, con i suoi 26 km, resta la speciale ‘simbolo’ della gara”.

Il Rallye di San Martino di Castrozza scatterà venerdì sera, con la disputa della tradizionale prova spettacolo, mentre sabato saranno in programma le altre sette prove speciali, per un totale di 101 km cronometrati sui 356 complessivi. Bandiera a scacchi alle 19.01.