quintarelli_0109

Quintarelli resta senza benzina a Suzuka ma mantiene la leadership del SuperGT

Al termine di una lunga rimonta dal dodicesimo posto in griglia di partenza, Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda sono restati a secco nel corso dell’ultimo giro della 1000 Km di Suzuka, passando da un eccezionale quarto posto ad una comunque utile sesta posizione.

Risultati delle qualifiche:

Q1: Tsugio Matsuda – P12 (1:48.896)

Condizioni atmosferiche: sereno, pista asciutta

Per l’appuntamento “clou” della stagione del SuperGT giapponese, la Nissan GT-R numero 1 del Team Ufficiale Nismo si è presentata nuovamente da leader del campionato, appesantita con il massimo della zavorra prevista dai regolamenti, 100Kg. Arrivato in qualifica con un occhio già alla gara in termini di scelta delle gomme, il team si è così accontentato della sesta fila. Da sottolineare, nel pre-gara, la manifestazione di solidarietà da parte di tutti i piloti della serie verso le popolazioni colpite dal terremoto nel centro Italia, nonostante i tanti chilometri che separano le due nazioni.

Risultati della gara:

Posizione finale: 6.

Condizioni atmosferiche: variabili

Miglior giro in gara: 1:52.793

Quintarelli è stato schierato al via della corsa, che prevedeva cinque cambi pilota obbligatori. Nella prima parte dei 1000 chilometri in programma, il duo italo-nipponico ha rimontato con continuità fino alla sesta posizione. Nel finale, grazie ad un’ultima sosta ritardata, è arrivato il balzo alla quinta piazza, mentre approfittando delle gomme più fresche e del ridotto carico di carburante, Matsuda ha messo a segno un bel sorpasso salendo in quarta posizione a quattro giri dalla fine. Purtroppo, all’ultimo passaggio e con pochi metri alla conclusione, la vettura di casa Nissan è rimasta a secco: nonostante l’errore di calcolo nel rifornimento e l’impossibilità di tagliare il traguardo, Quintarelli e Matsuda sono stati classificati sesti, incamerando punti importanti per difendere la loro leadership in classifica.

Ronnie Quintarell
“Il sesto posto finale è comunque un grande risultato, anche se resta tanto rammarico per non avere terminato quarti, posizione che avevamo occupato fino a poche curve dalla fine e che ci avrebbe fatto conquistare quattro punti in più per il campionato. Voglio comunque ringraziare il team per il grande lavoro sia nella preparazione per la gara sia nel weekend. Un lavoro fondamentale, che ci ha permesso di essere competitivi anche con tantissima zavorra a bordo. Un grazie anche a tutti i fan che sono venuti a Suzuka a tifare per noi. La prossima gara di campionato sarà sul bellissimo circuito di Buriram in Thailandia, l’8 e il 9 di ottobre, in un clima sicuramente molto asfissiante sia per le vetture che piloti. Non vedo l’ora di tornare in pista e spingere al massimo!”