MICHELINI_1807

“CASENTINO” AGRODOLCE PER RUDY MICHELINI

Il pilota lucchese, al debutto con la Ford Fiesta WRC del Team PA Racing, prima si esalta occupando costantemente il podio assoluto poi, in epilogo, una gomma stallonata lo estromette dalla top ten assoluta.

Rudy Michelini torna via dal Rally del Casentino, seconda prova del Campionato IRCup, con l’amaro in bocca. Un rally decisamente in agrodolce, quello corso durante il week-end appena trascorso, per il driver lucchese, sempre affiancato da Michele Perna, al debutto con una Ford Fiesta WRC gommata Pirelli del team bergamasco PA Racing,

La gara non ha sortito l’effetto sperato con un risultato che stava per arrivare sopra uno dei tre gradini del podio assoluto, prima dell’ultimo impegno erano terzi a soli 4”2 dal leader, quindi con validi presupposti anche di vittoria. E’ stata fatale una gomma stallonata durante l’ultimo, lungo, tratto cronometrato della gara (37 Km.), in notturna, che ha vanificato l’intera esaltante e concreta prestazione sin lì offerta. Alla fine, con cinque minuti circa persi per la sostituzione dello pneumatico in prova, Michelini e Perna sono giunti undicesimi assoluti.

Durante tutto l’arco della gara la coppia della Movisport, contro un plateau di rivali di indiscusso valore, aveva saputo compiere una progressione di alto livello con una vettura tutta da conoscere: dalla nona posizione in avvio di gara, prova dopo prova avevano saputo interpretare al meglio le sensazioni date dalla vettura, salendo sopra il podio assoluto da metà gara e nel contempo esibendosi con riscontri cronometrici di vertice, culminati con il miglior tempo assoluto in tre prove speciali.

Il racconto di Rudy Michelini parte proprio dall’ultima prova speciale: “Purtroppo queste sono le gare, un Casentino che riteniamo di aver corso ad alto livello e che poteva regalarci un grande risultato. Sinceramente non abbiamo ancora capito dove il pneumatico anteriore sinistro si sia stallonato, sicuramente in una buca intorno al chilometro sei, a quel punto avevamo già ripreso quasi tutto il margine che ci divideva prima dello start da Stefano Albertini e non abbiamo potuto fare altro che fermarci per sostituirlo”. Rimane il contenuto di una prestazione maiuscola: “Se guardiamo al risultato finale – prosegue Michelini – è logico che siamo tutti molto delusi, la prestazione e l’impegno offerti sia da noi come equipaggio che da tutto il team PA Racing nel supporto tecnico ci fa però guardare al prossimo decisivo appuntamento di Cuneo con fiducia.”

Nella foto: Rudy Michelini e Michele Perna in azione al Rally del Casentino (Bettiol).