gdacommunication_3006

AL CITTÀ DEI SANTI ERBETTA VUOLE CAMBIARE ROTTA

Il pilota di Manfredonia cerca la svolta della stagione di fronte al pubblico amico, nel ricordo del compianto Gino De Salvia, per archiviare un periodo sfortunato.

Tutto è oramai pronto per l’imminente seconda edizione del Rally Città dei Santi che toccherà questo fine settimana i comuni di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Rignano Garganico.

L’evento, incastonato nella splendida cornice del Gargano, sarà valido anche come Trofeo Gino De Salvia, uno dei piloti più veloci e vincenti della zona, a cavallo tra gli anni ottanta e inizio novanta, prima della prematura scomparsa in un tragico incidente stradale.

Occasione particolarmente sentita per Domenico Erbetta che si presenterà al via, affiancato dal fido Valerio Silvaggi, su una Peugeot 207 Super 2000 della Ferrara Motors con l’obiettivo di invertire la tendenza di una stagione che sin qui lo ha visto sfortunato protagonista, all’attivo sono tre i ritiri su quattro partecipazioni, anche in virtù dell’ottimo secondo assoluto centrato su queste strade nella passata edizione.

“Arriviamo da un periodo particolarmente negativo” – racconta Erbetta – “ed è innegabile che attorno al nostro Città dei Santi ci sia particolare attesa. Vogliamo puntare in alto per molteplici motivi: primo fra tutti perchè corriamo in casa e perchè il nostro cuore è legato a Gino De Salvia che, per mio padre, era come un fratello. È vero che il 2016 non ci ha regalato sin qui delle grandi soddisfazioni anzi, tutt’altro, ma vogliamo concentrarci sull’ottimo risultato conseguito qui nella scorsa annata e partire da questo punto per dare il 101% di fronte al nostro pubblico”.

Non sarà della partita il sempreverde Giuseppe “Pino” Erbetta, bloccato da problemi di salute, che confida nel figlio Domenico per onorare al meglio il ricordo dell’amico di una vita: De Salvia.

Con il medesimo intento scenderà dalla pedana di partenza Maurizio De Salvia, navigato da Michele De Cristofaro, alla guida di una Renault Clio Super 1600, griffata Ferrara Motors, il quale cercherà un posto al sole tra le due ruote motrici, alla sua seconda esperienza dopo il decimo assoluto al Rally Terra di Argil, in ricordo del compianto padre.

In classe R4, al volante di una Mitsubishi Lancer Evo IX curata da Colombi, troveremo l’equipaggio salentino composto da Maurizio Di Gesù e dall’esperto Cristian Quarta, alle note, il quale punterà a recitare un ruolo da protagonista tra le trazioni integrali sovralimentate nonostante le voci degli iscritti alla vigilia non rendano la vita per nulla facile.

Tra le piccole del produzione occhi puntati su Pino Fragassi, coadiuvato da Saverio Cotrufo, alla guida della propria Renault Clio di classe N3 e non da meno saranno Michele e Guerra che con la loro Peugeot 106 di classe N2, messa in campo dai fratelli Campione, cercheranno di macinare quanti più chilometri possibili per accrescere la propria esperienza in vista dei prossimi appuntamenti, primo fra tutti, il Rally Porta del Gargano.