ghilardi_2805

IL RALLY DI CASCIANA TERME REGALA A TITTI GHILARDI LA VETTA “ROSA”

La gara disputata lo scorso fine settimana nella location pisana non stravolge gli equilibri in classifica, confermando i leaders Baldassarri e Natucci. Notevole progressione da parte della copilota Titti Ghilardi, nuova capofila nel “femminile”.

Hanno recitato il solito copione da “primattori”, i conduttori lucchesi impegnati sull’asfalto del Rally di Casciana Terme, appuntamento andato in scena lo scorso fine settimana nella location pisana e valido per il Trofeo Rally Automobile Club Lucca.

A trarre i maggiori benefici, grazie alla terza posizione conquistata sul sedile destro della Renault Clio Williams di Roberto Orioli, è stata Titti Ghilardi. L’esperta copilota si è infatti portata al vertice della classifica femminile ed a meno di un punto dalla vetta assoluta, confermando un ruolo da protagonista nella serie promossa da ACI Lucca e giunta alla sua undicesima edizione.

Nella classifica piloti, la prima posizione è rimasta ancora saldamente nelle mani di Dario Baldassarri, assente a Casciana Terme, con Dario Bertolacci costretto ora a condividere la seconda posizione con Gabriele Lucchesi. Una performance, quella del pilota di Bagni di Lucca, archiviata con il primato di classe A7 al volante della Renault Clio Williams, vettura che non utilizzava da otto anni e che ha richiesto cautela nelle battute iniziali.

Tra i copiloti, ancora leader Emanuele Natucci nonostante il “forfait” nell’appuntamento rally day. Un primato provvisorio che, visto il risicato margine di mezzo punto sull’inseguitrice Titti Ghilardi, renderà decisivo il prossimo appuntamento in programma, sulle strade del Rally degli Abeti a San Marcello Pistoiese.

Un risultato, quello conquistato da Titti Ghilardi, che ha relegato al terzo posto della classifica provvisoria Chiara Lombardi, reduce dal massimo punteggio conseguito tra le strade della valdinievole ma a quota “zero” tra le speciali pisane.

Nella foto (FREE PRESS concessa da Foto Montagni): Titti Ghilardi.