Florio_2105

Alla Floriopoli-Cerda lo Slalom è di Castglione domani la Cronoscalata

Il trapanese sula Radical Prosport ha dominato le tre manche chiudendo davanti a due esperti concittadini come Raiti su Osella PA 21 e Incammisa su Radical SR4. Alle 9 di domenica 22 maggio la salita con le prove e subito la gara. Premiazioni in Piazza La Mantia

La Floriopoli – Cerda, organizzata dall’Automobile Club Palermo e Team Palikè in collaborazione con Targa Racing Club, sta vivendo la sua fase clou del doppio appuntamento agonistico. la due giorni palermitana ha visto oggi lo svolgimento dello Slalom con vittoria di Giuseppe Castiglione su Radical Prosport spinta da motore Suzuki da 1600 cc, con il miglior tempo nella seconda delle tre manche di 2’07″40 sui 2290 metri dell’insidioso tracciato. Domani, domenica 22 maggio dalle 9 scatteranno le manche di prove ufficiali della Cronoscalata Floriopoli – Cerda, la gara di velocità salita autostoriche a cui sono ammesse anche un numero limitato di vetture moderne, vedrà al via 73 concorrenti che hanno portato a termine le operazioni di verifica. La competizione, che con due manche di prove ed altrettante di gara, completerà la due giorni cerdese, si correrà sui 6150 metri di tracciato che da Floriopoli porta alle porte di Cerda sulla SS 120 dell’Etna e delle Madonie. La Cerimonia di Premiazione anche per la gara in salita sarà nella centrale Piazza La Mantia di Cerda.

Tutti confermati i big della vigilia al via della Cronoscalata, da Totò Riolo sulla Porsche 911 di 4° Raggruppamento, come la Osella 6/9 di Ciro Barbaccia, Andrea Barbaccia sulla Paganucci, Manlio Munafò sulla Lucchini SN89; per il 3° raggruppamento Il palermitano Natale Mannino, Sandro Filippone, Maurizio Plano e Giusepe Trinca sulle Porsche 911, l’esperto Pippo Savoca sulla Renault 5 Turbo, il preparatore messinese Salvatore Caristi su Fiat 128. In 1° raggruppamento svettano i nomi del tenace Domenico Guagliardo su Porsche 911S, Marco Savioli e Antono Piazza sulle BMW 2002; mentre sulle versioni Carrera di 2° Raggruppamento ci saranno Claudio La Franca e Raffaele Picciurro. Tra le moderne ci saranno, tra glia altri, Salvatore Miccichè su Radical SR4, il bolognese Mario Caliceti che sarà in Sicilia con la Osella PA 20 BMW a battagliare in CN con l’esperto driver locale Angelo Miccichè al volante della Gisa. E poi ancora sulle biposto di gruppo E2SC Filadelfio Bulla, Antonino Rotolo, Orazio Maccarrone e Dino Blunda.

Giuseppe Castiglione 27enne driver e preparatore trapanese ha vinto prima e seconda manche dello Slalom con la sua biposto inglese, precedendo sul traguardo e sul podio altri due trapanesi di lunga esperienza come Andrea Raiti, sulla Osella PA 21/S Honda, con cui ha rimontato e vinto la 3^ manche, dopo la prima in cui la vettura scivolava eccessivamente, poi terzo un costante Nicolò Incammisa, molto audace al volante della Radical in versione SR 4. Castiglione ha puntato tutto su un assetto estremo e sull’agilità della biposto inglese, che ha testato con successo in vista dei prossimi impegni del Campionato Regionale Slalom. Raiti ha fatto appello alla sua lunga esperienza, nonstante il volume della sua biposto nata per la pista e le salite, non sia stato il miglior alleato per tentare l’assalto alla vetta. Seconda gara per la giovane Martina Raiti, conclusa a ridosso della top ten al volante della Osella PA 21/S. Martina da sempre segue le orme di papà Andrea, ora anche all’interno dell’abitacolo di una sport prototipo. Molto aggressivo Nicolò Icammisa che ha un pò recriminato la scivolosità del fondo stradale, non favorito dal vento piuttosto fresco che ha limitato le temperature delle gomme.

Sotto al podio il giovane nisseno Salvatore Miccichè che è riuscito a ripristinare la sua Radical SR 4, dopo un problema alla trasmissione nella prima delle tre manche. Quinta piazza per Rosario Prestianni con la monoposto da velocità su terra VST spinta da motore Kawasaki, con le sole prime due manche all’attivo. Sesta piazza per Successo in gruppo Prototipi al giovane palermitano Gianfranco Barbaccia, pilota e preparatore della pungente Fiat 126, con cui ha preceduto nella classifica assoluta il rimontante messinese Davide Giorgianni che si è imposto in gruppo Speciale con la Peugeot 106. Ottavo l’aggressivo vincitore del gruppo N Giuseppe Cacciatore sulla Renault Clio RS. Con la nona posizione è arrivata l’affermazione in gruppo A per il ragusano Salvatore Licitra sulla Renault Clio Williams, seguito in fondo alla top ten della gara, dal primo delle estreme vetture di gruppo ADB, Domenico Faso, in piena rimonta su Fiat 126 con motore Suzuki. Sono stati 33 i piloti al via dello Slalom.

Top five Slalom Floriopoli – Cerda: Castiglione (Radical Prosport) punti 127,40Tempo 2’07″40 ; 2. Raiti (Osella PA 21/S) a 2″26 ; 3. Incammisa (Radical SR4) a 9″39; 4. Prestianni (VST Kawasaki) a 14″08; 5. Miccichè (Radical SR4) a 14″23.