Nascar_1905

11 podi per la Double T by Nocentini sull’ovale di Venray

In ELITE 1 Ercoli sfiora due vittorie tra i professionisti, mentre in ELITE 2 il rookie Geltrude centra due podi assoluti. Vittorie di classe per Ercoli, Geltrude e Calcinati, ma sul podio salgono anche Forte, Spinelli e Laureti, sfortunato Gabbiani
11 podi, tante emozioni e tre vittorie di categoria sono il bottino portato a casa dalle quattro Ford Mustang della Double T by Nocentini nel secondo appuntamento della NASCAR Whelen Euro Series sull’ovale di Venray, in Olanda. La somma dei risultati sarebbe potuta essere anche migliore, senza la sfortuna che ha tolto dalle mani di Gianmarco Ercoli due vittorie assolute nelle due gare della Divisione ELITE 1.

Il pilota romano è stato autore di un weekend memorabile, iniziato nel migliore dei modi già nelle qualifiche, quando ha conquistato una stupenda prima fila al suo debutto su ovale nella Divisione ELITE 1. Il pronti via della gara della domenica, che ha aperto il weekend corsaiolo della seconda edizione dell’Autospeedway Amercan Style, ha visto Ercoli mettere a segno un gran sorpasso sul pole sitter Garcia già al primo giro, portandosi subito al comando della corsa, da cui nessuno è riuscito a scalzarlo per ben 51 dei 60 giri in programma. Se nessun problema gli aveva procurato il restart arrivato a circa metà gara, è stato un guasto all’idroguida a togliere al giovanissimo pilota romano la prima vittoria stagionale, facendolo capitolare in 14esima piazza negli ultimi nove giri, con uno sterzo sempre più duro e ingestibile. Smaltita la delusione, la corsa del lunedi ha visto ancora una volta Ercoli autore di una gara magistrale, che l’ha portato a suon di sorpassi in prima fila all’ultimo restart, giunto ad una manciata di giri dalla fine. Allo sventolare della bandiera verde, il pilota della Mustang #9 ha compiuto un gran sorpasso sulla linea interna al leader di campionato e campione 2014 Kumpen all’ingresso di curva 1, ma in uscita di curva 2 i due piloti si sono toccati ed è stato proprio Gianmarco ad avere la peggio, con una gran botta contro il muro. Recuperata in qualche modo l’auto, decisamente danneggiata, Ercoli è riuscito comunque a guadagnare alcune posizioni nei giri finali, conquistando di grinta la quarta posizione assoluta e la prima nel Trofeo Junior “Jerrome Sarran”, che lo vede ora al secondo posto ad appena 3 punti dalla vetta. Nella classifica assoluta il romano è quinto, ma il gioco degli scarti lo pone di diritto tra i favori al titolo.

Altro grande protagonista del weekend olandese è stato il giovanissimo Riccardo Geltrude, molto suo agio sui 23 gradi del banking dell’ovale da mezzo miglio di Venray. Il pilota della #7 Double T by Nocentini Ford Mustang ha portato a casa due podi assoluti nella divisione ELITE 2, destinata ai giovani talenti, con il secondo posto in Gara 2 e il terzo di Gara 1, e una stupenda prestazione nella seconda gara della ELITE 1, dove ha regalato al Double T by Nocentini una splendida doppietta nella categoria Junior, giungendo alle spalle del compagno Gianmarco Ercoli con un ottimo sesto posto sotto la bandiera a scacchi. “E’ stato un weekend eccezionale! – ha detto il pilota di Prato – Messa da parte la sfortuna di Valencia, sono finalmente riuscito a dimostrare ciò di cui sono capace! Girare su un ovale è molto più complicato di quanto si possa immaginare. E’ molto di più di girare a sinistra. E qui sbagliare è un attimo, i muri sono vicinissimi! Aver fatto bene qui, al debutto, nel weekend più adrenalinico che abbia mai fatto, mi rende ancora più positivo per il resto della stagione.” ha concluso Geltrude, che è al comando nella classifica riservata ai Rookie in ELITE 2.

Da applausi a scena aperta la prestazione di Renzo Calcinati, sulla #12 Virgin Radio Double T by Nocentini Ford Mustang, che ha regalato spettacolo e sorpassi nella gara di apertura della Divisione ELITE 2. Il pilota di Seregno ha rimontato dalla 18esima posizione, dove si trovava nei primi giri, fino alla quinta piazza finale, andandosi così a prendere la vittoria nella categoria Legend, giusto davanti al compagno di squadra Marco Spinelli, altro eroe di giornata. Il milanese ha portato al team la seconda doppietta del weekend, questa volta nella classifica Legend, grazie ad un solido ottavo posto assoluto ottenuto sotto la bandiera a scacchi. Nella gara del lunedi, la dea bendata ha purtroppo girato le spalle ad entrambi i piloti, con Spinelli coinvolto senza colpe in un crash in Curva 1 quando lottava per la Top10, incidente che non gli ha comunque impedito di conquistare il terzo posto tra i piloti Legend, e Calcinati addirittura impossibilitato a partire a causa dei danni riportati dalla sua vettura nella corsa del mattino in Divisione ELITE 1.

Sul podio sono saliti anche Simone Laureti e Carlo Forte, entrambi autori di un weekend in crescendo ed affrontato con condotte intelligenti e senza errori. Dopo l’esperienza accumulata in gara 1, Forte è stato abile nella Monday Race ad evitare ogni tipo problema, andandosi così a prendere agilmente il secondo posto tra i piloti Challenger in ELITE 1 grazie ad una corsa accorta. Allo stesso modo, Laureti ha conquistato il secondo posto tra i piloti Legend in ELITE 2 nell’ultima gara del weekend, prestazione che gli ha consentito di salire al secondo posto anche nella speciale classifica di campionato, ad appena 2 punti dal leader. Weekend difficile invece per Gian Maria Gabbiani, al debutto sull’ovale di Venray dopo alcune esperienze negli States in Late Model. Il milanese si stava ben comportando, migliorando i suoi crono sessione dopo sessione, senza fare mai un errore. Purtroppo, nella seconda gara del fine settimana, quando la Top10 era alla sua portata, la Mustang #12 è stata coinvolta nel crash multiplo che ha caratterizzato la Monday Race di ELITE 1, ponendo così fine alla sua gara.

Il prossimo round della NASCAR Whelen Euro Series è in programma sullo storico tracciato di Brands Hatch l’11 e 12 giugno, che ospiterà la quarta edizione dell’American Speed Fest, manifestazione che ogni anno vede in pista oltre quarantamila fans che possono godersi un weekend di gara in un paddock completamente aperto.