Ph Roberto Piccinini

LG MOTORSPORT È IL NUOVO TEAM DELLA LOTUS CUP ITALIA

La nuova squadra fondata da Luca Guariso subentra a Siliprandi Racing, piloti Veronesi e Pasotti. Dopo due ottime stagioni complete nella serie e un buon inizio nel campionato corrente, la Siliprandi Racing cede il posto alla neonata LG Motorsport per dedicarsi in esclusiva al Campionato Italiano Sport Prototipi insieme ad Eugenio Pisani, altro pilota cresciuto grazie alla Lotus Cup Italia. LG Motorsport nasce sotto l’egida dello stesso Direttore Tecnico che faceva parte dello storico team di Suzzara, Luca Guariso: l’esperto tecnico mantovano, che vanta un’esperienza pluriennale con BMW e Honda nel FIA WTCC, prende così il timone della nuova squadra che, a partire dal round di Magione, schiererà una terza Lotus Elise Cup PB-R in aggiunta alle due giovani punte che rispondono ai nomi di Stefano Pasotti e Pierluigi Veronesi. Luca Guariso (LG Motorsport): “La Lotus Cup Italia è uno dei monomarca migliori nel panorama automobilistico sportivo italiano: il prodotto è di altissimo livello, le macchine vanno forte e lavorarci dà tante soddisfazioni, per questo ho deciso di proseguire l’avventura nella serie fondando un nuovo team, con risorse dedicate e staff qualificato per puntare alto; lavorare per anni nel Mondiale Turismo a contatto con ingegneri del calibro di Marco Calovolo mi ha insegnato molto e continuerò a mettere a disposizione dei miei piloti quanto imparato fino ad oggi. Pierluigi ha un gran piede ed è molto tecnico, riesce a darmi dei feed back sulla messa a punto davvero importanti e la doppietta di Adria lo dimostra; Pasotti è un talento quindi posso dire di avere una squadra al top.” Stefano d’Aste (PB Racing ­ Lotus Cup Italia): “Sono contento che Luca abbia formato la sua squadra, dall’altro lato capisco e apprezzo la scelta di Siliprandi, viste anche le difficoltà che hanno avuto nelle prime gare dei prototipi, nel dedicarsi ad un programma unico ed impegnativo come quello. Fossi stato in loro probabilmente avrei affrontato ancora un anno di Lotus Cup, soprattutto per far fare esperienza ad Eugenio che nelle ultime gare stava migliorando; quest’anno con un compagno come Pasotti, ma soprattutto con uno come Veronesi, avrebbe potuto imparare davvero molto, ma ad ogni modo va bene così; i piedi in troppe scarpe servono solo a far buona confusione. Luca lo conosco bene, è stato mio capo macchina nel WTCC per anni e ha un’ottima preparazione tecnica. Quest’anno il livello della Lotus Cup si è alzato ulteriormente, con l’introduzione della Pirelli Cup abbiamo fatto la cosa più giusta per i veri gentlemen e ora con la diretta streaming e il supporto di Franco Bobbiese con uno special dedicato su Telereporter direi che siamo davvero ad un ottimo livello.”