spino_2704

IL 30 APRILE SI PRESENTA LA CRONOSCALATA DELLO SPINO

A Pieve Santo Stefano anteprima del terzo round del Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche in programma 14 e 15 maggio
Sarà in perfetto stile “vintage”, fedele a quello che fin dall’inizio è stato l’intendimento degli organizzatori, la 7a Cronoscalata Storica e 44a edizione dello Spino a Pieve Santo Stefano.
Intanto, assieme alla validità quale terza prova del Campionato Italiano Velocità Auto Storiche (CIVSA) c’è anche quella di tappa del trofeo riservato alle Abarth Classiche, cioè a tutte quelle vetture “certificate” e quindi riconosciute tali dalla celebre casa automobilistica torinese, che ha nello scorpione il suo inconfondibile simbolo.

Un motivo in più di interesse e un’occasione per incrementare il numero delle macchine che il 14 e il 15 maggio prossimi si daranno battaglia sui 6 chilometri della strada provinciale 208. Poter contare su una nutrita rappresentanza di Abarth significa aggiungere un tocco di ulteriore qualità alla gara, che vuole distinguersi come momento centrale di due giornate ricche di eventi legati al revival. La Pro-Spino Team ha elaborato in tal senso una sorta di “antipasto” speciale: tornerà intanto il “Riccio Drift Show” in apertura di ogni manche di prova e di gara, che riserverà le immancabili derapate a ciclo continuo e tali da non far stare dritta l’auto nemmeno per un metro; poi sarà la volta della parata di apertura dal titolo “Un giorno allo Spino”, una sfilata non agonistica per vetture di interesse sportivo o storico, di serie oppure da competizione.

Il compito di fungere da apripista spetta agli splendidi modelli d’alta collezione della scuderia “Clemente Biondetti” di Firenze, grande protagonista della velocità in salita negli anni ’60 e ’70, ma un’impronta altrettanto originale sarà quella conferita dai ciclisti dell’associazione “L’Intrepida” e dal motoclub “Il Ferraccio” di Anghiari, che affronteranno lo Spino con le due ruote a pedale; bici e abbigliamento sono rigorosamente d’epoca. Sarà insomma uno spaccato della grande manifestazione cicloturistica di ottobre, che porta sulle strade della Valtiberina oltre 600 partecipanti. E nell’ambito delle iniziative collaterali, si segnalano sia il concorso fotografico “Lo Spino 2016″, che vedrà premiato l’autore della foto ritenuta più bella e significativa della manifestazione; sia la degustazione di piatti a base di fungo prugnolo per le vie centro storico del paese, quasi come se si trattasse di una ideale appendice della sagra tenutasi la domenica precedente. Un contenitore di appuntamenti confezionati per l’occasione, con un preciso filo conduttore: questa la veste indossata dallo Spino. I particolari verranno poi approfonditi nel corso della conferenza stampa congiunta di sabato 30 aprile alle 11.00 nella sala consiliare del Comune pievano; in questa sede verranno presentate la Cronoscalata dello Spino e appunto la XIV Sagra del Prugnolo e Giornate del Pastore