Grani_2604

Bierremotorsport-SportAuto Manicardi e Lorenzo Grani vincono e convincono al Rallye Elba

Un fine settimana in versione ‘pigliatutto’ per la Peugeot 208 del team modenese pilotata dal 21enne di Sassuolo: nella prima prova del Campionato Italiano WRC è subito bottino pieno nelle prove speciali e perentorio successo in classe R2B. Il prossimo week-end di nuovo in gara per l’esordio dell’IRCup al Rally Nazionale del Taro con l’equipaggio reggiano Gazzotti-Torri.

Un dominio. Solo così si può definire la prestazione offerta dalla Peugeot 208 della Bierremotorsport-SportAuto Manicardi affidata al giovane talento Lorenzo Grani al Rallye Elba, gara d’apertura del Campionato Italiano WRC di rally. Sulle insidiose strade dell’isola toscana, Grani e la sua navigatrice carrarese Alessia Bertagna confezionano una prova pressoché perfetta, collezionando nove successi di classe in altrettante prove speciali e mettendo a segno un perentorio successo in R2B. Due giorni pressoché perfetti anche a livello tecnico, dato che la Peugeot 208 canarina, al solito preparata con minuziosa cura alla vigilia della gara, marcia alla perfezione dal via al traguardo.

Il week-end da leoni della Bierremotorsport-SportAuto Manicardi consente al direttore tecnico Marcello Manicardi di lasciare la splendida isola con un sorriso a trentadue denti stampato sul volto: “Eravamo consapevoli di poter fare bene e così è stato, nonostante quello dell’Elba sia un rally storicamente da prendere con le molle. Tecnicamente parlando, i cambiamenti di assetto rispetto al 2015 si sono rivelati azzeccati ed hanno permesso al nostro pilota di acquisire immediata fiducia con la 208. Temevamo un po’ la tenuta dei freni, invece Lorenzo ha saputo gestirli alla perfezione. Quanto a Grani, siamo felici di aver riscontrato in questi giorni toscani quanto di buono intuito nelle due gare-test invernali: Lorenzo ha avuto un approccio ottimale ed una condotta di gara sempre lucida, veloce e costante. Abbiamo sempre corso con le mescole più dure, anche nella difficile prova finale nella quale stava iniziando a piovere: il nostro equipaggio è stato bravissimo ad affrontare il tratto cronometrato finale con freddezza e sicurezza, chiudendo la gara sempre con tempi perfettamente in linea con quelli che ci aspettavamo e con quelli della classe superiore, ai quali abbiamo fatto riferimento”.

La nona vittoria di classe in carriera è anche la più importante tra quelle conquistate sinora dal giovane Lorenzo Grani, sia per l’ambito agonistico nel quale è maturata, sia per come il sassolese ha saputo metterla a segno. “Non mi era mai accaduto di vincere in questo modo ed è un soddisfazione. Ho ripreso subito ottima confidenza con la vettura durante i test pre-gara e mi sono bastate minime regolazioni per cucirmela addosso, trovandomici meglio dello scorso anno. I 18” rifilati al secondo classificato nella prova iniziale mi hanno fatto capire che potevamo dire la nostra e tenere quel passo in sicurezza. Ne è venuta fuori un’ottima gara, nella quale mi sono trovato molto a mio agio anche durante le prove in notturna. Sono molto contento pure per il feeling con la mia nuova navigatrice Alessia Bertagna che, come auspicato, è molto migliorato nel corso della manifestazione. Questo è il mio primo successo in classe R2B e sono felice che sia maturato con questo filotto di primi posti nelle prove speciali”.

La bella prova elbana è però già un ricordo, in casa Bierremotorsport-SportAuto Manicardi: l’obiettivo è già puntato sul prossimo fine settimana, quando la Peugeot 208 sarà affidata ai reggiani Virgilio Gazzotti ed Enzo Torri e sarà di scena al Rally Nazionale del Taro. Gazzotti torna al volante a quasi sei mesi dall’ultima fatica agonistica e lo farà per esordire sulla vettura francese, dopo tanti anni di attività sulla Citroen C2. “Virgilio ha sostenuto qualche test ed ha avuto un ottimo approccio con la macchina – conferma Marcello Manicardi -. In questi giorni stiamo allestendo la 208 sulle specifiche di questo test e sarà la base di partenza per affrontare una gara dalle caratteristiche molto diverse da quella dell’Elba (strade e asfalti sono molto diversi), per di più spesso caratterizzata da una forte variabilità meteo. Il Taro è un altro rally con prove molto belle ma anche difficili e servirà a Virgilio per capire bene la 208 e le tante differenze di guida con la C2. Siamo comunque molto fiduciosi di poter disputare una buona gara e, come sempre, molto felici di vivere un fine settimana al fianco di un equipaggio che corre con noi da tanti anni e che consideriamo composto prima di tutto da autentici amici”.