Vallelunga_2504

VALLELUNGA: RONZONI è il dominatore nel Campionato 2T IGP Awine nella classe 250 Gp

E’ partita alle ore 13.00 di domenica 24 aprile la prima gara dell’IGP Awine 125-250 sotto un cielo plumbeo che prometteva pioggia. L’asfalto però è rimasto asciutto e questo ha permesso ai piloti di poter esprimere al meglio le loro prestazioni.

È Ronzoni il dominatore di Vallelunga spinto dalla benzina X-Flame by Magigas. Dopo aver conquistato la pole position, vince a mani basse il primo round della classe 250 Gp. Il campione in carica, non solo si prende il gradino più alto del podio, ma strappa anche il giro veloce di 1’45.855.

Con molta modestia, il pilota bergamasco ha cercato di dare tutti i meriti della sua vittoria all’Aprilia del Nico Racing Team, ma tutti sappiamo che un cavallo senza un buon cavaliere, va poco lontano: “è stata una bella gara, merito della moto che rispondeva benissimo. Sono partito un po’___0 male, ed ho dovuto forzare per recuperare. Volevo scappare da Heierli, che era dietro di me. Quando abbiamo doppiato gli ultimi, mi era veramente addosso, ma poi per fortuna sono riuscito a riprendere terreno e scappare.” Lo svizzero ha mantenuto un ottima passo gara, ma ha poi dovuto cedere al suo avversario, che lo ha distaccato di 2 secondi. Seguono in ordine le wild card Cipriani e Nava.

Nella 250 Sp è Vitti, wild card del Team Ducale, a conquistare il podio delle derivate di serie. Un pilota che si è qualificato in soli 3 giri nella Q1, obbligato a saltare la seconda qualifica per problemi alla moto: “la partenza è stata buona – ammette il numero 71 – sono entraro nel gruppo insieme a Marchetti e Linari. C’è stata una bella battaglia, poi all’ultimo giro sono riuscito a sorpassare Linari.” Una prestazione di tutto rispetto per un pilota che ha preso parte all’ultimo campionato IGP nel 2014, e chiude con un 1’53.319.

Anche Barani si conferma la punta delle 125 Gp. Parte in pole nelle sua categoria, conduce una gara costante e sale sul gradino più alto del podio con il tempo di 1’53.517. Tanta emozione per il giovane pilota empolese del progetto “Gp Academy”, che si dichiara più che soddisfatto di come ha condotto l’intero week end: “la partenza non è stata il mio forte, ma fortunatamente sono riuscito a recuperare alla svelta e tenere più o meno lo stesso ritmo. Sono veramente emozionato, è una vittoria che mi fa sperare in una buona stagione, considerando che non è nemmeno una delle mie piste preferite.”

Soddisfatto anche il Direttore Tecnico della Gp Academy, che ha visto arrivare una moto sul podio e l’altra al traguardo senza alcun problema. Deluso invece Castellani, l’altro pilota del Team, che chiude in quinta posizione tra le 125 Gp. Ma siamo alla prima gara, ed avrà modo di riscattarsi e combattere nelle prime posizioni nel corso della stagione.

Nelle cadette 125 Sp torna Fortini, che aveva conquistato la pole provvisoria in Q1, ma era scivolato al terzo posto in Q2. Fresco di intervento chirurgico, in gara tira fuori le unghie, stringe i denti, e fa segnare 1’57.828 al cronometro: “Sono partito bene. La mia intenzione era rimanere inizialmente nel gruppo, per prendere un po’___0 le misure e risparmiare energie per il finale. Ma non mi è riuscito e mi sono trovato a battagliare con Modesti; siamo arrivati all’ultima chicane insieme, non ho mollato e mi sono infilato. È stata veramente una bella gara.” Arrivano dietro di un soffio, Modesti e la sua Aprilia, staccati di 2 decimi: “dopo 1 anno dall’incidente devo ripartire, mi rendo conto che mi manca la battaglia, e li ho dovuto cedere. Nella guida però non ho difficoltà, ho recuperato bene e sono contento di come sia andata”. Peccato per Scagnetti, che nonostante il best lap della categoria, è uscito di scena anzi tempo per un inconveniente tecnico.

Continuano le disavventure di Petrini, in forza al Nico Racing Team. Dopo aver sostituito l’albero motore della sua 250 Sp, in seguito alla rottura di ieri, è costretto al ritiro: “la frizione slittava in curva, non riuscivano ad entrare le marce. Un vero peccato, ho dovuto accostare e lasciare la gara” afferma sconsolato il pilota di Poggibonsi, che avrà modo di rifarsi al secondo round dell’IGP, il 10 Luglio a Magione.

Ottima affluenza sulle tribune, in occasione del primo round, grazie anche al supporto comunicativo dell’agenzia Awine di Roma, a cui oggi spetta la titolazione del round romano.