Ciofolo_1904

rientro alle gare di Nicolaj Ciofolo e Matteo Sala della Abs Sport al rally Coppa d’Oro

Il rally Coppa d’Oro, in programma nel week end, segna l’atteso rientro alle gare di Nicolaj Ciofolo e Matteo Sala. L’equipaggio della Abs Sport al via con la Peugeot 106 del team Vassena Car con l’obiettivo del podio nella categoria N2.

Prima gara stagionale per il derviese d’adozione Nicolaj Ciofolo e il brianzolo Matteo Sala, al via nel week end del classico rally Coppa d’Oro, giunto alla 42^ edizione. Atteso rientro alle gare per il valsassinese Ciofolo, che sulle strade del Coppa d’Oro alcune stagioni fa conquistò il trofeo Renault Clio con Platti nel ruolo di navigatore. Quest’anno Ciofolo ci riprova presentandosi al via con la Peugeot 106 rally S16 in versione N2, preparata dal team Vassena Car di Oliveto Lario.
L’equipaggio della scuderia Abs Sport ha scelto questa gara non solo per motivi storici e affettivi ma perché inserita nel nuovo campionato rally Alpi Occidentali, che i lecchesi contano di disputare in alcune prove. La gara piemontese è la seconda della serie 2016, la prima è stata il rally del Tartufo, gara che ha visto nella classe N2 primeggiare il piemontese Castagna con una Peugeot 106.
“E’ uno degli appuntamenti rallistici più interessanti, per cui abbiamo deciso di presentarci al via anche per vedere le nostre potenzialità – afferma Ciofolo -. Lo scorso anno ho disputato poche gare su terra, direi con buoni risultati. Adesso torniamo a gareggiare in un rally classico con l’obiettivo di puntare al podio nella categoria N2. Gli avversari non mancano, ma il tipo di rally è tra quelli che mi piacciono maggiormente, per cui siamo fiduciosi di poter dire la nostra. La speranza è di proseguire nel campionato Alpi Occidentali, ma molto dipenderà dai risultati”.
Il programma del Coppa d’Oro 2016 prevede la partenza al sabato sera 23 aprile e l’arrivo alla “Cittadella” di Alessandria domenica pomeriggio. A seguire la speciale spettacolo a Valenza, mentre le restanti 7 frazioni cronometrate, verranno disputate nel territorio Acquese che a fine anni Novanta fece parte del Rally di Sanremo, allora valido per il campionato del mondo. Complessivamente sono 342.360 i chilometri del percorso di cui 77.820 km di speciale.