sanremoLOgo_1403

Salve, sono il 63° Rallye Sanremo

La gara della Città dei Fiori si presenta alla stampa ed al pubblico con una conferenza stampa giovedì 7 aprile nelle sale del Casinò di Sanremo. E davanti all’ingresso sette magnifiche vetture che rappresentano il passato ed il presente della gara sanremese.

Con le verifiche tecniche e sportive, lo shake down e la conferenza stampa al Casinò, ha preso il via la 63esima edizione del Rallye Sanremo, valevole per il Campionato Italiano Rally. Alla gara sono iscritti 68 equipaggi con in testa gli sfidanti per il titolo tricolore assoluto Paolo Andreucci-Anna Andreussi, Peugeot 208 T16, che scatteranno per primi venerdì 8 alle 12.40 da Piazzale Adolfo Rava, seguiti dai loro principali antagonisti, Giandomenico Basso-Lorenzo Granai, Ford Fiesta LDi alimentata a GPL, quindi Umberto Scandola, affiancato dall’imperiese Guido D’Amore, Škoda Fabia R5. Dietro una nutrita pattuglia di piloti privati fra i quali spiccano i giovanissimi Simone Tempestini, Ford Fiesta R5, 21 anni con licenza rumena, reduce dalla vittoria al Rally di Brasov (Romania) di domenica scorsa, ed il cuneese Michele Tassone. A dare un tocco di internazionalità a questa edizione del rally ci saranno, oltre all’italo-svizzero Stefano Baccega (Ford Fiesta R5) con il numero 15 e la Ford Fiesta R5 l’ucraino di Kiev Oleksiy Tamrazov, affiancato dal genovese Nicola Arena, e l’equipaggio croato formato da Viliam Prodan-Zoran Rastegorac (Peugeot 208 R2B).

Particolarmente combattuta la Classe R2B, dove si gioca il primato nel Campionato Italiano Junior dedicato ai giovani talenti, con ben 17 equipaggi al via, trofeo che vede al comando i cuneesi Giorgio Bernardi-Enrico Ghietti. A Sanremo è sfida anche per il Trofeo Clio R3 che vede appaiati, dopo la gara d’esordio del Ciocco, Luca Panzani ed Ivan Ferrarotti, ed i 14 protagonisti del Suzuki Rally Trophy, guidati dal vincitore del Ciocco Stefano Martinelli. Alla gara della Riviera di Ponente sono iscritti tre equipaggi femminili: Corinne Federighi-Jasmine Manfredi, Renault Clio R3 vorranno riscattare la delusione del Ciocco, mentre vorranno confermare quanto di buono fatto in Garfagnana Beatrice Calvi-Cristina Caldart, Peugeot 208 R2B, ed infine è all’esordio fra le “moderne” dopo aver spopolato nel Trofeo A112 Abarth storico la vicentina Lisa Meggiarin, affiancata da Silvia Gallotti che lotterà nel Suzuki Rally Trophy. Da segnalare anche l’esordio in gara della nuovissima Renault Twingo R1, portata sulle prove speciali dai velocissimi toscani Federico Gasperetti-Federico Ferrari.
In questa 63esima edizione del Rally Sanremo sono numerosi gli equipaggi liguri, fra i quali spiccano Franco Borgogno-Federico Riterini, Peugeot 207 S2000 che dopo aver vinto il Leggenda per due anni passano alla gara maggiore, gli imperiesi Marco Cortese-Antonello Moncada, Mitsubishi Lancer EVO IX, e le Clio R3 dei savonesi Francesco Aragno-Marco Rosso e Fabrizio Andolfi Jr-Stefano Saudia.

63° Rallye Sanremo – È la seconda gara del Campionato Italiano Rally e vedrà al via tutti i protagonisti della serie tricolore, sia quelli che puntano al titolo assoluto, sia le giovani promesse che vanno all’assalto del titolo Junior riservato ai piloti Under. Il rally scatterà venerdì 8 aprile, da Piazzale Adolfo Rava alle ore 12.40 per Gara-1, che terminerà sabato 9 aprile al PalaFiori alle 0.18 della notte. Poche ore di sonno prima di prendere nuovamente il via di Gara-2 (PalaFiori, ore 6.18 di sabato 9 aprile) e chiudere le ostilità nella stessa giornata alle 16.00, sempre in Piazzale Adolfo Rava. Gara-1 si disputa su una distanza di 192.93 km di cui 79.34 km suddivisi in sei prove speciali. Un solo riordinamento, in Piazza Borea d’Olmo a Sanremo a partire dalle ore 16.03 di venerdì 8 aprile. Garà-2 avrà uno sviluppo di 331,15 km, di cui 79,56 di tratti cronometrati delle cinque prove speciali. Riordino in Piazza Borea d’Olmo dalle ore 10.34 di domani sabato 9 aprile.

Il 31° Sanremo Rallye Storico propone un confronto fra i piloti “tricolori” e quelli che disputano il Campionato Europeo Rally Storici. Fra i settanta iscritti alla competizione storica, infatti, troviamo piloti provenienti da 13 paesi oltre all’Italia. Con il numero 1 scatterà venerdì alle 15,47 da Piazzale Adolfo Rava il vincitore della scorsa edizione, il pavese Matteo Musti, con Francesco Granata, Porsche 911 RS, che dovrà vedersela con una nutrita pattuglia di avversari a cominciare dal francese, ex pilota di Formula 1, Eric Comas, autore di una seconda tappa al fulmicotone nell’edizione 2015. E con il norvegese Valter Pedersen, Porsche Carrera, fedelissimo del Sanremo, oltre che con le storiche di ultima generazione quali le Lancia Delta 16V di “Lucky”, “Pedro”, e Peter Zanchi, vincitore di alcune edizioni del Sanremo Storico negli anni Novanta.

31° Sanremo Rally Storico – Anche per le storiche si tratta del secondo appuntamento del calendario 2016, dopo il Rally Costa Brava (Spagna) valido per il titolo continentale in programma nel prossimo fine settimana e il Vallate Aretine, prova di apertura del Tricolore, andati in scena a metà marzo. Due le tappe in programma per Rally Storico. La prima scatterà dalla Vecchia Stazione alle ore 15.47 di venerdì 8 aprile e terminerà in Piazza Borea d’Olmo alle 21.37 dopo aver percorso 147.17 km di cui 67.52 suddivisi in sei prove speciali con un riordino alla Vecchia Stazione a partire dalle ore 18.34. La seconda tappa lascerà San Remo alle ore 8.40 di sabato mattina e affronterà altri 328 km di gara di cui 84,92 di sei prove speciali. Tradizionale riordino con buffet ad Oneglia, presso lo stabilimento Olio Carli alle ore 14.00. Alle ore 18.38 sul palco arrivi della Vecchia Stazione si festeggerà il vincitore del trentennale del Sanremo Rally Storico. Alla gara saranno ammesse le auto costruite fra il 1949 ed il 1985.

31° Coppa dei Fiori – La gara di regolarità vanta un anno in meno di anzianità del rally storico e come il rally porta a Sanremo equipaggi provenienti da una quindicina di paesi non solo europei e vetture da sogno di grande valore storico e collezionistico. La gara della Città dei Fiori rappresenta il secondo appuntamento del Campionato Europeo Regolarità Autostoriche ed il quarto del Campionato Italiano. All’evento possono partecipare vetture costruite fino al 1990 e seguiranno sul percorso le vetture del Rally Storico, chiudendo le loro fatiche sabato 9 aprile alle ore 14.20 in Piazzale Adolfo Rava. Chi volesse assistere alle verifiche tecniche e sportive di questi gioielli può seguire le operazioni di controllo venerdì 8 aprile, dalle 8.00 alle 12.00 presso il PalaFiori di Sanremo. Nella gara europea sono iscritti 32 equipaggi provenienti da nove paesi oltre all’Italia, ed i primi a scendere la pedana di Piazza Adolfo Rava saranno i finlandesi Tairamo-Kuosmanen con la poco conosciuta, in Italia, Chrysler Sunbeam Avanger. In parallelo, si svolgerà anche la Coppa dei Fiori italiana, valida come quarta prova del Campionato Italiano Regolarità Autostoriche, giunto al quarto appuntamento, che schiera 14 equipaggi al via, guidati dalla Triumph TR3A di Marco Gandino-Danilo Scarcella, seguita dalla Fulvia HF dei genovesi Giovanni e Tiziana Chiesa.

8° Sanremo Leggenda – È la proposta “leggera” della gara ligure, che permette agli equipaggi che non hanno la possibilità di affrontare il rally maggiore di percorrere le speciali che hanno costituito il mito del Rallye Sanremo. I concorrenti dell’“8° Sanremo Leggenda” seguiranno quelli del 63° Rallye Sanremo sabato 9 aprile con partenza prevista alle 7,40 ed arrivo finale 17.56 in Piazzale Adolfo Rava. Il Sanremo Leggenda misura 358,12 km, di cui 69,80 suddivisi in sei prove speciali. Al “piccolo” Sanremo prendono parte 22 equipaggi con in prima fila le Ford Fiesta R5 di Mattia Giordano-Lorenzo Paganin e Carlo Berchio Giancarla Guzzi.

1° Eco Rallye Sanremo – Rappresenta la grande novità dell’edizione 2016 della kermesse del Ponente Ligure. La competizione è riservata alle vetture alimentate ad energie alternative (elettriche, ibride, GPL, metano, idrogeno). A questa innovativa competizione prendono parte solo tre equipaggi, con in testa Fulvio Maria Ballabio, che vanta trascorsi in Formula 1 e nelle corse americane, ma sicuramente sarà un’edizione che resterà nella storia perché apre la via ad un nuovo modo di fare le corse su strada. La gara si svilupperà su un percorso di 195,17 km suddiviso in sei prove a media e dieci Controlli Orari. I concorrenti prenderanno il via dalla Vecchia Stazione di Sanremo venerdì 8 aprile alle ore 17.43 e conclusione nello stesso luogo alle 14.41 del sabato. Nel parco assistenza di Piazzale Adolfo Rava l’organizzatore del rally allestirà una serie di prese di ricarica industriale per ridare energia alle vetture alimentate con energia elettrica. Saranno loro il futuro delle gare su strada?