LIBERATI-BO_0908

A KUALA LUMPUR EDOARDO LIBERATI PROTAGONISTA ANCHE IN GARA 2

Ancora un weekend da protagonista per Edoardo Liberati, nel Lamborghini Blancpain Super Trofeo Asia. Sull’inedito circuito cittadino di Kuala Lumpur, il ventiduenne pilota romano ha conquistato la sua seconda pole consecutiva, dopo quella ottenuta in occasione del proprio debutto nella serie sulla pista di Shanghai, lo scorso luglio.

“Bis” mancato solo per poco in Malesia, per il portacolori dello Young Drivers Program di Lamborghini Squadra Corse, che dopo avere messo a segno in Gara 1 la vittoria nel round cinese, in Malesia ha portato in seconda posizione la Huracán LP 620-2 che ha nuovamente diviso con il giovane Yuan Bo.

Una prestazione straordinaria quella di Liberati e Bo, sui 3,2 chilometri del tracciato che si snoda nelle strade adiacenti alle Petronas Twin Tower, in una cornice straordinaria di pubblico. Peccato che un’uscita di pista al termine del primo turno di qualifica abbia impedito all’equipaggio dello Zen Racing Team di prendere parte alla seconda sessione cronometrata.

Un contrattempo che ha inevitabilmente finito per relegare Liberati-Bo in fondo allo schieramento di Gara 2. Da evidenziare l’ottimo lavoro svolto in questa circostanza dalla squadra, che ha comunque reso la vettura disponibile per poter prendere il secondo via. Ed è dalla diciannovesima posizione della griglia che l’italiano ed il veloce cinese sono riusciti a risalire secondi, posizione in cui hanno tagliato il traguardo.

Dopo l’arrivo è però arrivata la doccia fredda della penalità inflitta a causa di un’irregolarità nel pit-stop determinata da un errore dell’ingegnere, che ha relegato Liberti-Bo definitivamente sesti.

Il prossimo appuntamento nel monomarca della Casa di Sant’Agata Bolognese sarà quello continentale del Nürburgring, nel fine settimana del 18-20 settembre, con i colori della Raton Racing ed in coppia con lo svizzero Patric Niederhauser. Nel Lamborghini Blancpain Super Trofeo Europa, Edoardo Liberati è intenzionato a proseguire una serie di risultati positivi, caratterizzata dai due podi di Silverstone (secondo) e Paul Ricard (terzo), dal quarto posto conquistato sul circuito belga di Spa-Francorchamps e dal quinto e sesto piazzamento di Monza.