turrini_3006

ERMS Rally Cup: al Rally Città di Modena esultano i locali

La 36° edizione del Rally Città di Modena dispensa punti importanti ai concorrenti geminiani (con la sola eccezione di Gabriele Romei), per gli altri sono solo amarezze, ma il pilota reggiano Penserini e la navigatrice parmense Guzzi mantengono il primato nelle classifiche assolute.

Non passa il forestiero: almeno per quanto riguarda l’ERMS Rally Cup – Serie Emilia Romagna, Marche e San Marino, lo storico rally modenese, ora organizzato da Prosevent, regala soddisfazioni a piloti e navigatori di casa, mentre per quelli di fuori provincia sono (quasi) solo lacrime.

Pollice su, assolutamente, Per Andrea Dalmazzini ed Andrea Albertini: l’equipaggio del Modena Racing Team, su Mitsubishi Evo X, non solo si aggiudica la vittoria di classe N4, ma sfodera una prestazione di altissimo livello, sebbene il giovane pilota di Lama Mocogno sia alla prima gara su asfalto. Solo un problema al cambio lo priva di un clamoroso piazzamento a podio, ma il quinto posto assoluto (non preventivato alla vigilia) resta comunque un piazzamento di assoluto valore.

Molto significativa la prova di Massimo Turrini, che si aggiudica la classe R2B sulla Citroen C2-FM Tech Competition, pur se fortemente debilitato da una forte influenza. La festa, in casa Turrini, si completa con la sempre generosa prova del fratello minore Stefano, affiancato da Marco Aldini sulla Citroen Saxo-Publriace: i due sono autori di una gara tutta grinta che regala emozioni al pubblico e trova interessanti conferme in termini di tempi, anche se una foratura li priva di un miglior piazzamento in classifica generale.

Solo Gabriele Romei ed ‘Il Medico’, tra i concorrenti forestieri targati ERMS, vedono la bandiera a scacchi: il navigatore di Castelnovo Monti conquista (al fianco di Ivan Ferrarotti su Renault Clio-R3T) un lusinghiero terzo posto assoluto, mentre il pilota di Bibbiano (Citroen Saxo-Publirace) sigilla una buona prestazione con un corroborante secondo posto di classe N2.

Delusioni a go-go, invece, per gli altri protagonisti della serie al via del Modena: i reggiani Pietro Penserini (Renault Clio-S1600), Davide Incerti e Monica Debbi (Clio-N3) sono appiedati dal semiasse mentre erano rispettivamente primo e secondi di classe; il cambio ferma la corsa del cesenate Andrea Succi e della parmense Giancarla Guzzi (BMW M3-A8). Il sassolese Paolo Gualandi (Mtisubishi Evo IX GB Motors-N4) è costretto ad alzare bandiera bianca per noie al motore, il reggiano Nicolò Giorgini paga cara una sbavatura dopo un ottimo avvio (era primo in R2B dopo due prove con la Peugeot 208-Publirace), mentre Enrico Costi e Nicola Benassi (Renault Clio Teknocar-A7) si fermano dopo tre prove per un leggero malessere del pilota di Carpineti.

I verdetti modenesi non comportano grandi cambiamenti nelle classifiche assolute. Tra i piloti, la cui graduatoria è più che mai ‘corta’ ed incerta, quasi nulla cambia tra i primi quattro (Penserini e Succi acquisiscono solo i punti della partecipazione), ma Dalmazzini e Massimo Turrini fanno un significativo passo in avanti; Costi scala al settimo posto, mentre ‘Il Medico’ e Stefano Turrini entrano in zona top10 affiancando Incerti e Gualandi.

Tra i navigatori, Giancarla Guzzi resta saldamente leader, mentre Romei rosicchia solo dieci punti e vede avvicinarsi pericolosamente Albertini. Monica Debbi e Marco Aldini superano Nicola Benassi e si installano nel gruppo degli inseguitori ai primi tre. L’ERMS Rally Cup tornerà in scena fra due settimane con la disputa del San Marino Rally (coefficiente doppio per la gara valida per l’Italiano Rally ed il Trofeo Terra, coefficiente normale per quella del TRN) e del San Marino Rally Show