meloni_1210

IMOLA, REPORT FINALE. TRESOLDI E MELONI SI LAUREANO CAMPIONI DI SUPER PRODUCTION.

L’ultimo round del Campionato Italiano Turismo Endurance incorona gli alfieri della W&D tricolori nella Divisione maggiore. Le ultime speranze di Giancarlo Busnelli, in coppia con Luigi Moccia sulla Seat Leon Cupra SP DTM, sfumano con il secondo posto al traguardo. In S2000 festeggia Filippo Zanin.
Con le ultime vittorie dell’anno agguantate rispettivamente da Matteo e Federico Zangari in gara 1, al volante della Seat Leon Cupra LR della Tjemme e Walter Meloni e Piero Necchi in gara 2, sulla BMW M3 della W&D, il Campionato Italiano Turismo Endurance ha concluso oggi ad Imola una stagione ancora una volta combattuta e spettacolare fin dalla prima partenza lanciata.

Ad essere incoronati Campioni di Super Production, la Divisione più prestazionale, sono stati Paolo Meloni e Max Tresoldi sulla BMW M3 W&D e solo all’esito di gara 2.

Grazie al terzo posto sotto l’ultima bandiera a scacchi della stagione, la coppia della squadra sammarinese chiude la stagione con sole 8 lunghezze di vantaggio sul tre-volte campione Giancarlo Busnelli, secondo al traguardo in coppia con Luigi Moccia sulla Seat Leon Cupra SP DTM.

Per Filippo Zanin, invece, la tappa di Imola è stata un lungo giro d’onore grazie un titolo di Campione Italiano di Super 2000 già conquistato alla vigilia, con uno strepitoso ruolino di marcia che alla fine ha contato sette vittorie e tre piazzamenti a podio.

A dividere gli onori tricolori sulla stessa BMW 320 Promotorsport, è stato per l’occasione papà Massimo, quest’anno vice-campione sulla seconda vettura della squadra veneta.

Le vittorie in gara per la categoria fino a due litri sono andate invece a Pasquale Notarnicola sulla Renault NewClio dell’Autostar guidata nel primo scorcio di stagione dal compianto Istvan Minach e Mario Ferraris sul Cinquone, ovvero l’Abarth 500 reinterpretata dalla Romeo Ferraris.

LA CRONACA DELLE GARE

Allo start di gara 1 è Moccia a sfilare davanti a tutti con Gabellini che supera di forza Necchi e si porta in scia di Paolo Meloni. Villa è invece quinto davanti a Matteo Zangari e a Ferraris. il pilota della Tjemme riesce ad infilare la Leon della Pai che poco dopo cede anche alla BMW di Necchi in rimonta dopo lo svarione iniziale. In testa è duello tra Moccia e Meloni che prova ad inserirsi, ma poi preferisce non correre rischi, mentre si lotta in tutto il gruppo con Vita che deve difendere la settima posizione da Massimo Zanin e Piria che supera Notarnicola per il nono posto. A smuovere la classifica è anche Necchi che risale al quarto posto e si porta in scia di Gabellini. Il sorpasso per il terzo posto arriva al sesto giro, con Gabellini costretto a cedere anche a Zangari, mentre nella stessa tornata Piria finisce nella sabbia. L’asfalto scivoloso costringe all’errore anche Ferraris e Zanin, ma a scalare in Top-10 è proprio il Cinquone che si porta al sesto posto davanti a Vita, Notranicola, Zanin e Piria che riprende decima. Anche con la complicità dei doppiaggi in testa si forma un trio che al nono passaggio alle Acque Minerali vede Moccia costretto ad allargare la traiettoria e permettere il sorpasso di Meloni. Alla tornata seguente, invece, Necchi è costretto a fermare la sua BMW davanti ai box costringendo all’ingresso della Safety Car. Nel frattempo si avvia anche la fase di soste obbligatorie che, una volta completate, riattiva una gara che, grazie al minor handicap tempo, vede al comando Federico Zangari davanti a Valli, subentrato a Gabellini, Ferraris è invece terzo e precede Notarnicola poi costretto a cedere a Busnelli, Montalbano e Tresoldi, subentrati rispettivamente a Moccia, Vita e Paolo Meloni. Nel finale non mancano le emozioni con Tresoldi che si intraversa alla Rivazza e Sabbatini che impatta nella discesa alle Acque Minerali. Le posizioni si consolidano poi nel finale con Zangari che conquista il primo successo stagionale davanti a Valli, Ferraris e Montalbano che all’ultimo giro riesce a superare Busnelli. Secondo e terzo posto di Super 2000, settimo ed ottavo assoluto, per Notarnicola e Filippo e Massimo Zanin.

Al via di gara 2 è Max Tresoldi Stefano Valli a portarsi subito in testa davanti al poleman Valli, Walter Meloni, Federico Zangari e Busnelli. Il gruppo di testa è scatenato con Meloni che supera Valli e Busnelli che invece ha la meglio su Montalbano. Intanto al quarto giro il Cinquone di Ferraris rientra momentaneamente ai box, imitato poco dopo dalla BMW della Zerocinque costretta allo stop. La classifica alle spalle delle due BMW della W&D vede così Busnelli, Montalbano, Zangari e Filippo Zanin, settimo assoluto e primo di Super 2000 davanti ad Alberto Fumagalli. Le Leon di Busnelli e Montalbano lottano per il terzo posto, mentre alle loro spalle Zangari è costretto a fermare la Seat della Tjemme abbandonando la quarta posizione. Il siciliano della PAI riesce nel sorpasso per il podio, ma non riesce a staccare l’alfiere della DTM. Si lotta anche a centro gruppo con Notarnicola che è ai ferri corti con Perucca e Ferraris. Il distacco dei primi resta intanto nell’ordine dei 8 secondi ovvero un margine sovvertibile alle soste obbligatorie con gli handicap tempo. Superata la fase di neutralizzazione è Necchi, subentrato a Walter Meloni, a portarsi al comando grazie alle minori penalità, mentre alle sue spalle sono Paolo Meloni, Ponzio e Piria, dopo aver raccolto il volante da Tresoldi, Perucca e Sabbatini. In Super 2000 il primato è di Ricky Fumagalli, settimo assoluto davanti a Ferraris e Notarnicola, poi costretto a fermarsi ai box al 17esimo giro. La gara è tutta per la lotta al titolo con Moccia che prova ad avvicinarsi alla prima posizione di Necchi e Meloni che punta invece alla terza posizione di Vita, il piazzamento che garantirebbe la vittoria di Campionato anche se Moccia conquistasse la vittoria. L’operazione non riesce al pilota della Seat che ferma la sua rincorsa a 9 secondi dal battistrada, mentre Meloni centra il sorpasso per il podio al 22esimo giro.

CLASSIFICHE CAMPIONATO ITALIANO TURISMO ENDURANCE

GARA 1. 1) ZangariM.-ZangariF. (SEAT Leon Cupra LR TJemme) , 23 giri in 50’18.442 a 134,661 km/h; 2) Gabellini-Valli (BMW E90 3.2 Zerocinque Motorsport) a 22.079; 3) Ferraris- (Abarth 500 S2.0 RomeoFerraris) a 31.484; 4) Vita-Montalbano (SEAT Leon Cupra LR PAI Tecnosport) a 49.818; 5) Moccia-Busnelli (SEAT Leon Cupra SP DT Motorsport) a 57.308; 6) MeloniP.-Tresoldi (BMW M3 E46 W&D Racing Team) a 1’24.712; 7) Notarnicola (Renault New Clio S2.0 Autostar) a 1’26.487; 8) ZaninM.-ZaninF. (BMW 320i S2.0 Promotorsport) a 2’02.469; 9) FumagalliR.-FumagalliA. (BMW 320i S2.0 Zerocinque Motorsport) a 1 giro; 10) Piria-Sabbatini (Peugeot RCZ-R Cup 2T Reglage & Course) a 1 giro. Giro più veloce n. 23 di Tresoldi in 1’59.236 a 148.214 km/h.
GARA 2. 1) MeloniW.-Necchi (BMW M3 E46 W&D Racing Team) , 25 giri in 50’43.698 a 145,156 km/h; 2) Busnelli-Moccia (SEAT Leon Cupra SP DT Motorsport) a 8.655; 3) Tresoldi-MeloniP. (BMW M3 E46 W&D Racing Team) a 32.373; 4) Montalbano-Vita (SEAT Leon Cupra LR PAI Tecnosport) a 40.997; 5) Ferraris (Abarth 500 RomeoFerraris) a 1 giro; 6) FumagalliA.-FumagalliR. (BMW 320i S2.0 Zerocinque Motorsport) a 1 giro; 7) Sabbatini-Piria (Peugeot RCZ-R Cup 2T Reglage & Course) a 1 giro; 8) ZaninF.-ZaninM. (BMW 320i S2.0 Promotorsport) a 1 giro; 9) PeruccaOrfei-Ponzio (Peugeot RCZ Cup MC Motortecnica) a 1 giro; 10) “Toby” (Renault Megane RS ) a 3 giri. Giro più veloce n. 32 di Meloni P. in (1’55.063 a 153.589 km/h.

SUPER PRODUCTION
1) Meloni Paolo (BMW M3 E46 B3.6 W&D Racing Team), 197 (validi 182); 1) Tresoldi Massimiliano (BMW M3 E46 B2.0T W&D Racing Team), 197 (validi 182); 3) Busnelli Giancarlo (Seat Leon Cupra SP B2.0T DTM), 181 (validi 174); 4) Moccia Luigi (Seat Leon Cupra SP B2.0T DTM), 154; 5) Ferraresi Matteo (BMW M3 E46 B3.6 W&D Racing Team), 131; 6) Meloni Walter (BMW M3 E46 B3.6 W&D Racing Team), 84; 7) Montalbano Vincenzo (Seat Leon Cupra LR B20T PAI Tecnosport), 81; 8) Zangari Matteo (Seat Leon Cupra LR B2.0T TJEmme), 79; 8) Zangari Federico (Seat Leon Cupra LR B2.0T TJEmme), 79; 10) Valli Stefano (BMW E90 3.2 B3.6 Zerocinque Motorsport), 50; 10) Trentin Mauro (Seat Leon Cup Racer B2.0T Team Dinamic), 47.

SUPER 2000
1) Zanin Filippo Maria (BMW 320i S 2.0 RomeoFerraris), 185; 2) Zanin Massimo (BMW 320i S 2.0 ), 145; 3) Fumagalli Alberto (BMW 320i S 2.0 ), 119; 3) Fumagalli Riccardo (BMW 320i S 2.0 ), 119; 5) Piccin Samuele (Honda Civic S 2.0 ), 87; 5) Dall’Antonia Romy (Honda Civic S 2.0 ), 87; 7) Gurrieri Raffaele (Renault Clio RS S 2.0 ), 63; 8) Minach Istvan (Renault Clio RS S 2.0 ), 54; 8) Piccin Camillo (Honda Integra S 2.0 ), 54; 8) De Luca Rino (Honda Integra S 2.0 ), 54.